Buone Feste!


Carissimi,

ci rileggiamo dopo Capodanno, passate Buone Feste.

saint538

The Gallery CCXXXXIII


Bentornati amici ed amanti dell’Arte. Nel caldo (si fa per dire) clima natalizio, vi offriamo un nuovo ampliamento che solleticherà e stimolerà i vostri appetiti più vivi. Non abbiate timore e rilassatevi, chi tra voi è un veterano sa benissimo che i malesseri sono passeggeri e sono solo il segnale che il vostro corpo da’ per farvi capire che ciò che andrete a guardare è sublime ed eleva le vostre menti. Chi è nuovo invece, ora sa che non c’è da allarmarsi per quei crampi allo stomaco e la lacrimazione copiosa. Entrate dunque, abituali ed esordienti totali visitatori, nuovi tesori vi attendono.

 1. Hard Life

dd

Una nuova statuina per il presepe che illustra le difficili condizioni di vita nel deserto. Il pastore indossa indumenti rimediati qui e là,  un cappellino cinese comprato nel negozio all’angolo, delle giberne rubate a qualche soldato morto, un fucile intagliato a mano, una boccia verde contenente del veleno (olio di palma) e degli stronzi ai lati del cappellino di cui sopra per avere almeno la compagnia delle mosche. Nel deserto si sa, si è molto soli.

2.Kaffeeee!!!!1!1!

dd

L’ultra quarantenne si sveglia con una carica positiva e beve il suo liquido preferito che gli dona uno status intrigante e giovanile, il caffè! Circondato da una coltre di spaghetti scotti, cerca di fuggire dalle grinfie della vita che lo azzannano e lo trattengono con numerose braccia e delle impietose fauci. Ma lui non se ne preoccupa, ha il caffe…

3.Oro

ddd

Le catenine del battesimo possono uscire dall’ergastolo nei casseti a cui sono condannate e brillare di ferocia nelle mani giuste. Hai visto mai poi che ci si alzi qualche soldo impegnandole?

4.Povero cotonato

ddd

“Brucio la chitarra perchè non ho più nulla, mi è rimasto solo lo sguardo intenso. Purtroppo l’ultima permanente mi ha dissanguato…”

5.Moda 

ddd

Una simpatica foto di gruppo per la campagna di moda di Gianpaolo Gualtieri, promotore di uno stile che deve molto al tweed e ad una ricerca del machismo più sfrenato. Il modello biondo poggiato su quello in posa vittoriosa, ha abusato di sostanze illecite e non mangia  da sei mesi, quella è la posa migliore che riesce a tenere.

Arriviamo con simpatia alle opere donate dal nostro Gallerysta Onorario Todd. Lo ringraziamo con gratitudine gratuita.

6.Demonio vendicativo

ddd

L’ultimo nemico dell’Esorciccio è arrabbiatissimo e sprigiona la sua malvagità demoniaca tramite dei fulmini viola e uno sguardo serpentato al punto giusto. Non sa che il nostro eroe aiutato dal prode Satanetto, ha già in mente una strategia vincente per ricacciarlo negli Inferi, dove finora ha abitato in periferia, nel girone delle rotonde, dove i condannati al fuoco eterno girano tutto il giorno per località sconosciute senza mettere la freccia.

 

7.Rimedi estremi

fr

“Guardi lei non è pazzo, vede? Il suo cervello è integro e nel suo corpo non ho trovato cose insolite. Complimenti signore, se riesco a rianimarla lei vivrà una vita sana e non si preoccuperà più delle sue insane voglie di chinotto a colazione”.

 

Vi salutiamo ricordandovi di segnalare le opere che ritenete degne del nostro spazio museale, oltre al favore di far conoscere questa preziosa opera di divulgazione anche ad altri.

Per visitare i precedenti ampliamenti della Gallery, cliccate sull’immagine in testa al post oppure su quella identica a lato.  

Arriveduàr…

Quel Rude Venerdì Metallico /216: Un concetto semplice sui concept album


Il magico mondo del Metallo è pieno di gente che pensa di avere le capacità di riuscire a scrivere un album in cui le canzoni si leghino l’una all’altra raccontando una storia o parlando di un tema comune. Molto spesso i concept album sono una gigantesca palla al cazzo, dove per dare continuità o un legame ai pezzi viene inserita una quantità spropositata di intro, outro, pezzi narrati con voce enfatica. L’ascolto viene spezzato, disturbato da questi inserti che rovinano il fluire delle canzoni e rendono il tutto piuttosto pesante ed inascoltabile. Ce l’avete presente “Nostradamus” dei Priest? Ecco, quello è un buon esempio. Fermo restando che per scrivere dei testi legati ad un tema o ad una storia ci vorrebbe la basilare capacità di saper scrivere un testo interessante, molto spesso questi papponi risultano talmente noiosi e loffi da far venire la psoriasi alle orecchie. Oltre alla quantità di ghirigori inutili, troppi concept vengono penalizzati da testi illeggibili ed infantili, oppure banali. Ricordo con il sorriso agghiacciato i concept di certe band che ispirandosi a fatti storici, uno spunto molto usato e che potrebbe dare risultati molto interessanti, hanno scritto le solite boiate a suon di “fight, steel e li mortacci vostri”. Il concept è una scelta difficile, dovrebbe essere motivata da una reale voglia di mettere a disposizione delle canzoni, una storia o un tema da sviscerare o raccontare con perizia, con dei testi ben scritti e non la solita atroce retorica Metallica. Sono rarissimi i casi in cui un concept ha senso di esistere ed assurge allo status di culto irrinunciabile: “The Crimson Idol” degli W.A.S.P. per esempio è un lavoro enorme, intenso e che non ricorre a dei mezzucci per trasmettere emozioni. Ci sono piccoli parlati, ma la parte del leone la fanno i pezzi ed i loro testi. “Operation:Mindcrime” dei Queensryche è un altro buon esempio di concept album da lodare ma onestamente non è che me ne vengano moltissimi altri in mente di questo livello. Scrivere un concept per elevare un disco mediocre, per dargli un tono, è la base per pubblicare un disco orrendo e pretenzioso. Anche Blackie Lawless ha tirato fuori “The Neon God”, album doppio che pur gradevole a tratti, resta una mastodontica rottura di scatole, quindi non è così semplice costruire qualcosa di interessante.

Provate a pensare quanti lo fanno per abitudine, perchè ci si aspetta da loro questo tipo di lavoro, non so un Arjen Lucassen per farvi un esempio, hanno le capacità e la forma mentis giusta, sebbene anche loro a volte riescano a scrivere cofanate micidiali. Per me il concept è un modo di mettere insieme delle canzoni che troppo spesso viene sfruttato per darsi un’importanza, un elevarsi a grande compositore arguto ed intelligente, ottenendo invece l’esatto contrario. Pensate a scrivere degli album validi, se davvero sentite l’esigenza di scrivere un concept  fatelo solo se i pezzi sono nati con l’intento di narrare, se avete davvero l’urgenza di tirare fuori qualcosa di valido e personale. Non basta ripetere lo stesso tema musicale, inserire le intro o le note in un booklet.

Voi che ne dite?

ddd

 

The Gallery CCXXXXII


Bentornati carissimi amici, visitatori occasionali, affezionati cultori di tutto ciò che fa Arte e Bellezza. Siamo pronti come ogni Mercoledì ad ospitarvi nel nostro magico complesso museale, che cresce e fa la fortuna di Assessori ed imprese edili. Non abbiate timore, queste questioni non vi riguardano, voi pensate solo ad entrare e a rimanere padroni delle vostre reazioni di fronte ad una simile raccolta. Prego, non indugiate.

 1.Metafisica astrale

ww

Un insieme metafisico che ci comunica un gran senso di confusione e sgomento. Un pavimento (o la facciata a specchio di un grattacielo?) su cui è poggiata una  cornice posticcia attraversata da due gambe con le calze a rete più storte della storia. Gli anfibi hanno un effetto riflesso “vagamente” sbagliato che aiuta ad astrarre i concetti. Sullo sfondo una gabbia racchiude un immagine dal sapore siderale a completare un’opera di difficile interpretazione.

2.Metafisica viulenta

ff

“Mmmh!! Mhh! mmmh!” Si lamenta il tipo con le labbra cucite, affacciato da un triangolo nel cielo che gli mostra l’abbacinante desolazione forse causata da un essere di cui intravediamo solo mani ed occhi. Anche qui va per la maggiore l’astrazione, rivolta però a scenari ben più drammatici dell’opera precedente.

3.Duri

dd

“Facciamo le pose più dure che possiamo, le espressioni più feroci e metalliche che conosciamo. Poi ci aggiungiamo un’esplosione atomica sullo sfondo e vedrete che razza di cosa verrà fuori” 

4.Glove of Mah?

ddd

Un guanto levita nell’aria, stringendo un crocefisso di grafite e tre teschi con occhi pentacolati e con delle lingue notevoli, oltre a dei capelli che crescono solo di lato.  Un’offerta? Un fiero mostrare i propri acquisti al discount del Luogo Comune?

5.Facce ride

dd

Non poteva mancare questa recentissima pregevolezza. Un tema già visto qui rivisitato e portato verso nuove vette, dove le facce si mescolano in un caleidoscopio acido di colori, su semplice sfondo bianco. Perchè non ci si deve distrarre dalla bellissima composizione “collagista” che ci intimidisce e affascina.

Con amichevole umore e gioviale leggerezza, giungiamo alle pareti adornate grazie al contributo dei nostri amici segnalatori, pardon, “Gallerysti Onorari”. Li ringraziamo con un cesto di grazie, da non riciclarsi in vista delle feste. Il primo a cui donare la nostra gratitudine è Todd, un grazie autentico per te.

6. Vedo…prevedo e stravedo

ddd

“Dunque, vedo nella sfera il tuo futuro…vedo…vedo” “Scusi signora, ma dice ‘vedo’ per abitudine oppure ha delle lenti a contatto?”

7.Morbo letale

rrr

L’erba bagnata produce in alcuni casi dei gas venefici nello stomaco degli ovini. Nell’opera di sensibilizzazione qui esposta, il montone affetto da questa sindrome, chiamata ‘alitosis erbarum odor di fecis”, mostra quanto sia non solo un problema di relazioni sociali. La malattia trasforma il malcapitato erbivoro in un feroce promotore della dottrina vegetariana estrema.

 

8.Heddi de Edd

dd

Quel ghigno che somiglia a quello ben più famoso di Eddie the Head, la posa che richiama ancora la mascotte Metal più celebre del pianeta non aiutano a far emergere questo mostro striato di verde dalla massa di mostroni zombie minacciosi. E poi bella minaccia una carcassa già spolpata di selvaggina…

Chiudiamo l’ampliamento odierno con lo specialista in chiusure, il “Gallerysta Onorario” Giuseppe Moretti, al quale doniamo dei ringraziamenti a tutta birra.

9.La classe non è acqua(purtroppo per lei)

dd

Una giovane dama è morta per colpa del Galateo. Per non scomporsi l’acconciatura e la posa altera da gran dama, non ha chiuso l’ombrello per far sì che la pioggia le spegnesse una ciglia finta che aveva preso fuoco dopo degli ammiccamenti troppo pronunciati per un bel giovine rampollo.

10.Stagnola is the new Black

ddd

Un po’ Carcass, un po’ Nanowar in quest’opera dall’incredibile impatto. Finalmente il mito delle armature di stagnola vive davvero senza l’ausilio di elaborati disegni. Guardate la fierezza, la potenza di quelle mutande, di quella specie di proboscide che scende sulle loro gambe, senza malintesi poichè parte dal fianco. 

11.Propaganda

ss

Una signora senza sesso e senza bocca porge il megafono ad un tizio che era in rampa di lancio. Bendata e senza bocca, la donna ha circuito il tipo (che non vediamo) con la potenza delle sue bocce solo per fargli urlare ciò che vuole lei. E cosa sia non è dato sapere.

12.Travagliata storia di provincia americana

ddd

La cameriera è stufa di servire del becchime ad un tizio che tutti i giorni si presenta nel locale con una mascherona da rapace rosso dall’aria annoiata. La tizia porge un barattolo d’olio per frittura usato, suggerendo al disadattato di usarlo come propellente per darsi fuoco e lasciare per sempre libero quel posto. Lei non sa che il tipo, innamoratissimo delle sue generose forme e della sua aria da ergastolana, si nasconde sotto una maschera per la timidezza.

Vi salutiamo ricordandovi di segnalare le opere che ritenete degne del nostro spazio museale, oltre al favore di far conoscere questa preziosa opera di divulgazione anche ad altri.

Per visitare i precedenti ampliamenti della Gallery, cliccate sull’immagine in testa al post oppure su quella identica a lato.  

Arriveduàr…