Cinque video ridicoli per sganasciarsi in libertà


Un’idea maturata nella mia esperienza Metallica è che le band Metal non sappiano realizzare videoclip decenti nel 90% dei casi. Al di là dei videoclip dove la band finge di suonare in posti decadenti o ricchi di vegetazione, ve ne sono molti dove si cerca di raccontare qualcosa con grande sfoggio di effetti video da far lacrimare anche un cieco. Oggi ve ne propongo cinque veramenDe agghiaccianDi, se ne volete di più ce ne sono altri qui e qui.

Stardust Reveries- Universal Horrors

Inseriti in un contesto fantasy grazie ad un dozzinale green screen, gli Stardust Reveries ci regalano una performance invidiabile tra primi piani infartuanti e flauti suonati con disinvoltura. La “sensualissima” (le virgolette, mi raccomando) cantante ci delizia con i suoi sguardi ammiccanti e la sua voce da orata(avete letto bene), mentre si distinguono la pacioccosità del batterista e l’eleganza sobria del chitarrista. Sportivo, ma non troppo. Rimarrete estasiati dalla ricercatezza delle inquadrature e della bellezza dei fondali. Se ce la fate a vederlo tutto, un po’ ve la meritate la nausea che sentirete salire.

Battleaxe- Chopper Attack

Un elicottero da guerra che avanza(?) verso di voi, riempito di effetti per mascherarne la natura posticcia, una band convinta e convincente che suona dentro un tugurio illuminato da una lampadina da 80 watt. Cosa può andare storto? Nulla infatti! Tra pose convinte, bandane copripelata, primi piani FEROCISSIMI e occhiali da sole indossati anche se la band è praticamente al buio, rendono questo video un cultissimo.

Steel Prophet- Tree of knowledge

Un immersione totale del gruppo nel green screen, come nel primo video. Qui si privilegiano elementi naturali come lampi e tuoni, finte immagini di guerra e rapidi frammenti incomprensibili di botanica. La recitazione è il piatto forte, soprattutto il batterista che più che suonare sembra in procinto di dare un nuovo significato al vocabolo “costipazione”.

Shout- Give me an answer

Un salto nel passato, niente effetti ed effettini. Qui la band finge di stare su un palco, come si faceva una volta. Purtroppo le cose non migliorano la resa di questo piccolo gioiello. Tutti i cliché possibili ed immaginabili vengono racchiusi in questo prezioso documento, con in più delle giacche da musicisti di balera romagnola. Luccicose, colorate affascinanti. Il bassista presenta una capigliatura da tedesco dell’Est che aveva appena scoperto che ad Ovest c’erano gli Helloween, gli altri lacca e riccioloni d’ordinanza. Il momento clou è l’assolo di apertura del cantante, guardarlo muoversi e fare quelle pose farà ridere anche il loro fan più devoto(nel caso ci fossero ancora).

Thunderstone- The Path

Questo alla fine è pure il meno peggio, ma fa ben capire in cosa sbagliano le band di oggi nel fare video. Perchè mettere tutta quella roba posticcia, shaky cam per dare un dinamismo che alla fine è solo mal di mare e quelle due cinghie che girano in tondo sulle loro teste? Non farebbero prima a riprendersi mentre fingono di suonare e basta? Oppure mentre fanno altro, tipo preparare il pranzo o leggere il giornale. Sarebbe di sicuro mille volte più efficace di questo accrocco digitale. Ultima cosa, ma ‘sto cazzo de microfono stile anni 50 è diventato obbligatorio per tutti?

 

p.s. Se avete altri cinque minuti e non vi sentite troppo confusi, andate a leggervi l’ultimo numero di Metal Hammer Italia cliccando qui. C’è un mio pezzo sul concerto dei Maiden a Roma. E non è uguale a quello presente su R.A.M.!!

p.p.s. non sto manco a dirvi che emozione…ve la immaginate no?

I Dieci video ridicoli del 2011.


“Il peggio non ha mai fine” si dice, e questo assunto prende forma e corpo nella sequela di dieci video orrendamente ridicoli che seguono. Il Metal ed i videoclip sono due cose che raramente vanno d’accordo, però qualcuno esagera e riesce a dar vita a veri e propri filmati culto. Dieci perle del 2011 tutte per i vostri occhi.

Non ci credete? Date un’occhiata…

10. U.D.O.- Leatherhead

Il video in se’ è giusto un antipasto, in fondo è ben realizzato. Però quelle espressioni e quei primissimi piani con le librerie dietro lo fanno assomigliare troppo ad uno spot per una clinica geriatrica. Cateterhead .

9.Black Messiah-Windloni

Il tremendo feeling da produzione di serie Z si palesa già nel trailer…sfortunatamente il video ancora non è disponibile altrimenti lo avrei messo senza indugio nelle zone alte della classifica. Il gelo vero.

8.Gamma Ray- To the Metal!

Video assemblato con gli scarti di qualche backstage? Niente da segnalare se non riprese amatoriali, espressioni infartuanti e il terribile plagio (ancora?) di “Metal Gods” dei Priest. Kai schifo!.

7.Primal Fear- Bad Guys wear Black

Il video è girato accanto a delle vecchie locomotive e dentro un capannone ed oltre ad essere un’idea logora, il video più che suggerire la potenza del Metal fa percepire il disagio dei pendolari italiani, vessati da vecchi convogli. Da un momento all’altro, tra una posa fantozziana di Sinner e un primo piano alla pelata di Ralf, ci si aspetta di vedere un omino che domanda:”dica ma che parte da qui il treno pe’ Viterbo?”. In ritardo.

6. Jag Panzer-Burn

I disciolti Jag Panzer si affidano alle magie dell’effettistica per creare un caldo video a base di fiamme e lucine glitterose. Non è neanche malaccio, a parte la noia di guardare facce e palette di chitarra coperti malamente da fiamme. E poi quando Conklin si palesa sullo schermo si ride ferocemente. Bruciati.

Bene, adesso preparate i fazzoletti perchè le lacrime scorrerano copiose. Per le risate, ovvio…

5. Pegazus- Road Warrior

Non credo che una macchina pur bella, che va PALESEMENTE a trenta all’ora regali il feeling di “guerrieri della strada”, risibile  senza neanche citare le pose e gli atteggiamenti della band più vessata qui su R.A.M. Però è girato proprio sulle strade dove è stato girato il film. E sti cazzi? Sgommate via…grazie.

4. Virgin Steele- Perfect Mansions 

Io a DeFeis ci voglio bene, ma tanto. Ma perchè ti devi sputtanare così? Un video girato con un telefonino praticamente, mostra scene agresti e spade improbabili, alternate da calde scene casalinghe. Artigianale

3.Battle Beast- Enter the Metal World

Robocop e carta stagnola si incontrano in questo video memorabile, in cui un gruppo che vanta il chitarrista più allampanato dopo Oscar Dronjak, si diletta tra cibernetica dozzinale e fantastiche visioni dal futuro: se questo è il “Metal World” stiamo messi male. Domo-cop (è facile dai)

 2.Issa- Looking for Love

Il troione che ci crede davvero, fino in fondo,  di essere affascinante, ci regala una compilation di tristerrimi set fotografici, pose da battona all’ultima fase di carriera ed incredibili ammiccamenti.  Pietosamente arcoriana nonostante il nome siculo. Sexy Fail

1.Alternate Reality- The King that never Was

Il numero uno, vincitore incontrastato della ridicolaggine e del cattivo artigianato. Si parte alla grande tra donnoni e fetish da fiera, tizi vestiti con costumi da presepe vivente ed armi rigorosamente di plastica “madinciaina”. Poi  cominciano a suonare ed è l’apoteosi, quattro soggetti che farebbero vomitare anche a stomaco vuoto si dimenano su un pezzo osceno, mentre continuano a scorrere immagini poco edificanti di loro ed altra gente  in costumi ridicoli. Uno dei videoclip più repellenti dell’ultimo secolo, “Holy Thunderforce al confronto è “Braveheart”. Cagata Epica

Se avete visto di peggio fatemelo sapere nei commenti…

 

 


 

 

I 10 video più ridicoli che tu abbia mai visto!


Un fatto assodato è che l’Estate ti sta cordialmente sulle palle, l’ozio e la desertificazione agostana  del Web pure e cosa c’è di meglio che ridere deridendo roba brutta e ridicola per vincere la desolazione e la noia?

Una piccola rassegna dei dieci video che ti fanno veramente ridere. Ma proprio tanto assai molto…

10.Hirax- El rostro de la muerte

Incommensurabile stima per questi immarcescibili Thrasher ameregani, ma ‘sto video con le sequenze di vestizione alla Rambo fa sorridere di gusto. Inquadrature sghembe e location assolatissime rendono il tutto parecchio demenziale. Povero Katon costretto a cantare contro sole strizzando gli occhi…

9.Deep Purple-Knocking at your backdoor

Mad Max, Ken il guerriero e tanti luoghi comuni sugli scenari post-apocalittici per una canzone che parla di sesso fatto dalla porta posteriore? Nesso con il testo a parte, i tizi che provano a riattivare “antichi” macchinari tramite pugni e calci, coperti da pelli animali e sporchi come se avessero pulito i tubi di una stufa a pellet, sono di parecchio tristi. Questo video è una bella incul…ah ecco il nesso!

8.Savatage-Hall of the mountain King

Un nano che cade nell’antro di un Jon Oliva vestito come Capitan Findus mischiato ad un playboy di provincia non vi basta? Aspettate la metà del video dove c’è l’apoteosi della schifezza con l’apparizione del Mountain King piuttosto malaticcio e tisico, mentre il nano fa a gara di boccacce con i Savatage, in uno “splendido” montaggio.

7.Hammerfall-Hearts on fire (curling version)

Magari sarà anche ironico, ma questo video con le signorine della nazionale Svedese di Curling è abbastanza inutile e ridicolo. Il Curling è, senza troppa fantasia una versione nordica delle bocce, insomma è roba da circolo ricreativo per ottantenni appesantiti dalla prostata. A pensarci bene, ancora non mi spiego tutto l’entusiasmo per questo sport durante le Olimpiadi Invernali di Torino 2006. Avremmo preferito vedere altre bocce, ma questa è solo una battutaccia.

6.Black Sabbath-Headless Cross

Le giacche di Iommi e di Martin sono il must di questo video. Tony Martin ha l’aggravante di ostentare delle pessime movenze e una tremenda permanente per dei capelli che andavano diradandosi impietosamente. Peccato perchè l’ambientazione non era così pessima…

ed eccoci alla Top-Five, asciugate le lacrime dagli occhi e preparatevi a piangere di nuovo dalle risate ancora più copiosamente, questi cinque videoclip sono brutti forte.

5.Immortal-Call of The Winter Moon

Immortal d’annata e video famosissimo per essere la versione allucinata de “Il Mago di Oz”. Cappelli a punta, movenze da mimo in pensione e tanta ridicolaggine caratterizzano il primo di una serie di video che il trio di Bergen regalerà ai posteri negli anni successivi. Uno più comico dell’altro…

4.Trollech- Ve stinu starych dubu

Questi Trollech sono Cechi, senza ombra di dubbio. Cechi di Praga, non ciechi che non hanno mai rivisto i loro video. Provate a reprimere le risate dopo i primi trenta secondi di questo affascinante affresco di quanto il Black Metal sia sempre a rischio ridicolaggine. Tutto serve a farvi ridere, i buffi escamotage da  brutto cinema amatoriale, le faccette e le stupide inquadrature. La versione di un videoclip Black girata da Mel Brooks o Jim Abrahams, nè più nè meno.

3.Judas Priest- Hot Rockin’

Halford è gay e va benissimo,sei per l’assoluta libertà sessuale, ma perchè far passare tutta la band per degli emuli dei Village People? Docce, bagno turco(e scommetto che nel bagno c’è anche il Turco…cit.) e tanta ma proprio tanta tristezza. Potevano rinominare la canzone “Gay Spa Rockin’ “. I Priest hanno in serbo moltissime tavanate pazzesche, che sicuramente verrano fuori nei prossimi post.

 

2.Maniac Butcher-Co Dobré Pro Mne, Dobrým Jest (What’s Good for Me, That is Good)

Si vede che è girato con due lire, ma fa sganasciare questo tremendo duo di blackster da dopolavoro-Helvete. Resistete il primo minuto, superati i titoli iniziali si palesano i due tristi figuri e con essi le grasse risate. Consiglio di guardarlo per intero, dato che non c’è davvero tregua, tra sghembe inquadrature, recitazione degna di un video parodia e una verve comica involontaria esuberante. Gli Stanlio e Ollio Black sono tra noi…

1.Manowar-Gloves of Metal

Giuro che non è colpa mia se i Manowar riescono ad infilarsi in ogni post-classifica di R.A.M., converrete che davanti a cotanta stupidità filmica bisogna solo togliersi il cappello. Effetti speciali malamente realizzati, spade di cartone, scene di lotta da film turco e facce così spocchiosamente divertenti sono solo la superficie di un videoclip tremendo, da gustare fino in fondo. Terribile anche per gli anni’80.

Ma non è finita qui…I Manowar sono così intelligenti da aver capito nel corso degli anni che quello non era affatto un videoclip degno della maestosità della band e allora cosa decidono? Semplice, di farne uscire una nuova versione ri-editata, ancora più brutta dell’originale. Ci vuole una discreta dose di coraggio, ma si sa i Manowar sono una band da Guinness dei Primati. Quelli con i peli…

Forse alcuni obietteranno che manca il video di “Holy Diver”, ma per i video di Dio c’è uno speciale apposito. Per tutte le altre  eventuali mancanze abbiate fede, ci saranno altri post simili a questo. Preparate i fazzoletti!

Grand Magus- At Midnight they’ll get Wise, videoclip


Il nuovo video ufficiale di “At Midnight they’ll get wise” dei Grand Magus. Niente di elaborato…loro che suonano, ma la canzone merita un ascolto se non avete ancora preso “Hammer of the north”, album dal quale è tratta.

JB:"Occhio co'sta torcia..."