The Gallery LVIII


Oggi apriamo in ritardo a causa di lavori alla struttura per il mantenimento  delle opere, si era guastato il termostato delle teche che le mantiene alla giusta temperatura. Malgrado il piccolo inconveniente siamo di nuovo pronti ad offrire una boccata di nuova Arte ed un nuovo ampliamento ricco di gioiose espressioni dell’animo umano. Non perdiamo altro tempo, entrate pure…

 1.Lobo del Cuore

Una specie di Lobo, il personaggio DC che agevoliamo di sotto, dalle zampe degne di un orsetto del cuore, si sbraccia brandendo una chitarra buona anche per spaccare le legna in caso di necessità.  Per accordarla deve essere un bel casino. Bella anche l’acconciatura e l’ambiente, molto ben reso.

diciamo che la somiglianza è appena suggerita…

2.SS ovvero Schifezza Sopraffina

L’iconografia nazista, oltre ad aver creato notevoli fraintendimenti, ha rotto pure i coglioni. Se poi disegni una specie di macchietta con il monocolo che copre tutto col riflesso fotoscioppo sei ancora più pirla. Dietro un simpatico fuoco di gesso e degli aeroplanini di cartapesta fanno fatica ad emergere, con tutto quel fumo-fango-torrone-merda.

3. Hulk spacca!(li cojoni)

Una specie di Hulk fatto di merda,sia nel senso proprio che metaforicamente parlando, emerge da quattro ciottoli, minacciando i quattro grattacieli cartonati. Nel cielo spruzzi di chissà cosa suggeriscono inquietanti accostamenti seminali…

4. Il peso del mondo 

Un essere dalle mostruose ed incerte forme, tiene sulla schiena un mondo stilizzato come un novello atlante, peccato che assomigli di più ad uno scarabeo stercorario. Lo sfondo di pietra cosa vorrebbe significare?

5.Un tragico omaggio 

Sembra la versione di “Reign in Blood” degli Slayer fatta alla Melevisione. Guardate che profondità, che terrore infernale, che atmosfere malate. Complimenti anche per l’igiene orale del povero pirla torturato con uno stuzzicadenti da un diavolo itterico…

Le segnalazioni di questa settimana:

Le prime ci giungono da Alberto, ringraziamo ancora una volta inchinandoci deferentissimi!

6.Dietro c’ha tutto un insieme de colori!

Un macaco enorme colorato come una drag queen, scruta un omino intento a non fare un cazzo.La supposta adagiata in basso lascia intravedere un altro uomo che entra? Diciamo che una volta guardato il macaco non si riesce a distinguere altro, abbagliati dal suo stupore.

7.Trasformazioni sfortunate.

Una lumaca che è diventata una specie di testa orribile, è costretta ad appoggiarsi al logo del gruppo, più grande del titolo del disco. Gli occhi gialli non lasciano presagire un lungo futuro per questo orribile essere…

8.Usi alternativi dell’energia elettrica

Ecco spiegato come venivano fuori certe permanenti ai gruppi anni 80. Andavano vicino quella centrale Enel e lasciavano fare ai fulmini. I parastinchi del baffuto a sinistra devono essere di un comodo per guidare che non vi dico. Stupisce anche l’attinenza della foto con il titolo dell’album “legione dei morti”.

Un rinforzino dell’affidabilissimo Fandorin. Grazie nei secoli dei secoli!

9.Non ridete e non dite cheese!

Gary Holt ride di gusto, gli altri cercano di mascherare le risate, mentre Tom Hunting(tutto a destra) è quasi incredulo. E’ chiaro, stanno guardando Dracula 3D di Dario Argento.



Vi salutiamo ricordandovi di segnalare le opere che ritenete degne del nostro spazio museale, oltre al favore di far conoscere questa preziosa opera di divulgazione anche ad altri. Per visitare i precedenti ampliamenti, cliccate sulla foto in testa al post oppure su quella identica a lato.

Arriveduàr…

The Gallery XLV


Benvenuti Signore e Signori! Non aspettavamo che voi per inaugurare un nuovo ampliamento della nostra sede Museale, come saprete  sta raggiungendo proporzioni apocalittiche, tanto che per visitarla tutta bisogna prendere una settimana di ferie. E molti lo fanno con gioia dobbiamo dire…

Ma non perdiamoci in chiacchiere che oggi c’è fila!

1.Scomodità inconsapevoli

La tipa tiene le braccia alzate nonostante le catene non le tirino così tanto. Forse non si è accorta che le braccia le può abbassare, oppure è una manovra voluta per areare il locale con la sua aroma ascellare.

2.Draghi di biblioteca

Insieme ai Lupi, i Draghi sono le creature più apprezzate dagli autori nella Gallery. Guardate questo drago che si sta facendo una cultura con dei tomi scomodissimi da sfogliare con quelle zampette. Anche voi avreste quell'espressione...Ciccio, comprati un e-book reader...

3. Tre idioti

Il vecchio gioco delle tre scimmiette fatto da tre scheletri a cui mancano tutti gli organi da coprire. Si capisce solo che erano degli uomini senza spina dorsale...

4. Falle dire CHEEEEEEEESE!

La colorazione "frivola" fa passare in secondo piano la foto terribile. Come sprecare due modelle proprio...(Il porn-grind ha regalato gemme infinite al mondo dell'Arte, molte impubblicabili perchè oltremodo ripugnanti per il sottoscritto. Potreste approfondire il discorso se vi interessa, ma non è consigliabile)

5. Ciao, mi chiamo Gaytano.

"Siamo tostissimi! Usciamo dagli armadietti vestiti come dei giocatori di football gaytani! Maronn' che putenz'!!!" Ma il giorno che avete scelto la foto per la copertina avevate una fortissima congiuntivite?

6. Vola vola vola e mai si stanca…

Uno dei personaggi più fatti dell'Ape Magà usati per la copertina di un disco Metal? Si può fare certo. Non è il caso di commentare anche l'uomo d'argilla con la faccia da pirla dietro no? Segnalata da "Thrashdevastation", denghiù.

Ah...l'ape Magà era un maschio, sapevatelo.

7. Figli di madre ignota

Sarete pure i "figli della tecnologia" ma avete grossi problemi con l'estetica. Imperdibile artwork dal sapore "madmaxoso", con tanto di automobile col motore che esce dal cofano. Alla guida "er Secco", mentre "er Patata" sulla sinistra agita poco convinto il pugno. Le città che esplodono sullo sfondo non fanno più notizia, ma una carcassa come quella sulla sinistra sì. Segnalata dall'indomito "Fandorin"

Si chiude per oggi la vostra visita, graditissima soprattutto perchè non avete lasciato nessuna vittima in sala.  Vi salutiamo, dandovi appuntamento al prossimo mercoledì e ricordandovi di condividere con chi volete quanto avete visto. Ne vale la pena no?

Ai nuovi arrivati consigliamo di recuperare i precedenti ampliamenti contenenti molte altre opere imperdibili, cliccando sull’immagine in testa al post o su quella identica qui a lato.

Arriveduàr!!!

The Gallery XLIII


Il ritorno dai ghiacci e dalle nevi che ti hanno afflitto riparte dalla Gallery, approfitti per raccontare velocemente che sei rimasto senza energia elettrica, senza acqua corrente, senza linea telefonica e di conseguenza no Internet, e per completare il tutto niente cellulare per tre giorni circa. La neve ti ha riportato indietro  di cinquanta anni e più, da oggi non guarderai più le cose allo stesso modo. Perchè leggere a lume di candela stanca parecchio…

Signore e signori benvenuti nel nostro caldo e confortevole complesso museale. I rigidissimi rigori invernali hanno debilitato le forze di tutti, ma non hanno fermato la vostra voglia di risat…di Arte pura ed incontaminata. Andiamo dunque a congelare…pardon, cominciare. Non alitate sulle opere esposte, grazie.

1.L’agonia oftalmica

Il nome del gruppo ben si sposa con questo aborto realizzato dal solito fotoscioppatore alle prime armi. Bellissima la nebbia color "sfrullinata di laterizi"

 

2.Rimestare la merda del mondo

La poco abusata mascotte incravattata e scheletricamente zombesca, desta il caos nel mondo rimestando il terreno con un lecca lecca gigante. Bellissima la poltiglia e gli esseri vagamente umani in fuga. Segnalata dall'indomito "Fandorin". Tenchiù!

3.Il Principe Adam aveva un gran culo

...oppure non si capisce come avesse azzecato esattamente tutte le parole dell'incantesimo per diventare He-man. Ricordo ancora l'inizio del cartone in cui Adam spiegava fiero:"Salve a tutti sono il principe Adam. Scoprii di avere certi poteri il giorno in cui alzai la mia spada al cielo ed esclamai...PER IL POTERE DI GREYSKULLLL LA FORZA E' CON MEEEEEEEE". Cosa c'entra tutto ciò con la copertina di cui sopra? Ma la vedo solo io la somiglianza di quella struttura al centro con il castello di Greyskull, o il tizio a sinistra come il ritratto sputato di quello stronzo di Orko? Fate finte che la cosa appollaiata sul cartello non ci sia, per voi lo dico.

4. Testa di Casco

Non particolarmente felice la scelta da "popoloviola" e l'estrema simmetria di queste catene. Ah il cubo di Rubik in testa è d'antologia.

5. Il Lupo prende il pelo, ma fa sempre cagare

Il lupo che si merita il solito disegno scrauso non fa quasi più notizia, tanto ne è piena la Gallery de 'sta roba. Ma come fare a trascurare questo ardito gioco di colori e quel mantello attorcigliato alla Kelley Jones dei poveri?

6. Era meglio Mathew Broderick(ma anche no…)

Un'illustrazione che farebbe felice qualche retrogamer che si ricorda quei picchiaduro a scorrimento, con immagini simili a questa nello stile, che millantavano di raccontare una trama nel gioco. La bruttezza di questi disegni è tale che qualche retrogamer ci sta tempestando di insulti per il coinvolgimento.

Ci salutiamo anche quest’oggi corroborati visitatori della Gallery. Oggi vi abbiamo trattato con i guanti e illustrato opere uniche, una devozione che il gelo non farà crollare facilmente. Riapriamo i battenti mercoledì prossimo, parlate con tutti di quanto avete visto, e se volete rivedere i precedenti ampliamenti della Gallery cliccate sull’immagine in testa al post oppure in quella  identica a lato.

 

Arriveduàr…

 

p.s. mentre postavo la corrente è saltata altre due volte. Per dire…

The Gallery XLII- Narita e le altre, Riot special /parte due


La tragica e prematura scomparsa di Mark Reale ha intristito tutto il personale della Gallery, purtroppo l’omaggio con augurio di guarigione della scorsa settimana è diventato una specie di necrologio nello stile che conosciamo meglio. La scelta di continuare fino alla conclusione della personale dedicata ai Riot, dedicandola a Reale è doverosa quindi con il pensiero a questo grande, sottovalutato e sfortunato chitarrista ci tuffiamo nella seconda parte. Ciao Mark, ci mancherai…

Mark Reale 1955-2012

1.Lo squalo Talpa

Uno squalo con problemi di vista ci minaccia, sfoderando la sua incerta fila di denti, denti che sembrano una decorazione fatta con la sacca poche. O come cazzo si scrive...

2.Visioni Mistiche

"Meen Kya! Oggi Manito mandare forti segni con peyote! Vedere canoe con tovaglie uscire da nuvole . Nuvole che si infilano nel bosco e io sembrare fatto di legno. Io mai più fumare!"

3.Romanticamente fuori luogo

Il romantico tramonto, il tizio in silohuette, la grafica da fotoscioppe fine anni'90 donano quel feeling da compilation scopereccia da cestone, più che suggerire un ardito concept cavalleresco in salsa irlandese.

4. Viva la Foca!

"Seguitemi fratelli! Vi guidero con indubbio successo verso la città accrocchiata su una collinetta! Ma non fate caso alla mia faccia..." La foca dei primi dischi torna a minacciare i nostri bulbi oculari in questa improbabile scena fantasy. E adesso vanta un collo snodabile a 360°!!

5. Una tempesta in economia

Una nuvola neanche troppo nera sovrastata da brutti fulmini disegnati è il sinonimo di tempesta? Ma anche no...

6. Il riflesso della foca

Cosa c'è riflesso in questa chitarrAAAAARRGHH!!! Di nuovo!!?? Già era poco interessante un particolare di una chitarra, ma così è volersi male...

7. Mani inquietanti per un patchwork delirante

Il terribile patchwork nel collaudato "peperonata'style" ci regala intense emozioni. Notate la bellezza e l'eleganza della TAC alle mani scheletriche e la dispersione di fulmini dalla mano superiore, ma godete soprattutto della bruttezza dell'insieme.

Finisce così la personale dedicata ai Riot, purtroppo segnata dalla scomparsa di Reale in questi giorni. Altrimenti avremmo potuto analizzare i continui cambi di logo per il gruppo, l’ostinarsi a riproporre un’icona ridicola come “l’uomo-foca”, soffermarci sul tremendo gusto nella scelta delle copertine. Ci limiteremo invece ad accompagnarvi all’uscita salutando un eroe caduto e ricordandovi di parlare con chiunque di quanto avete visto. Per la prima parte della personale cliccate qui, per i precedenti ampliamenti di “The Gallery” cliccate sull’immagine ad inizio post a quella analoga qui a lato.

Arriveduàr!!