Tutti gli Album del 2015 che non sono stati recensiti su R.A.M. -parte 2-


 

Seconda parte del mega-recupero di dischi non recensiti nel corso del 2015. Se avete perso la prima parte la trovate cliccando qui. Non perdiamoci in altre chiacchiere e via col secondo listone:

Cattle Decapitation- The Anthropocene Extintion

cc

Grind-Death furioso per un massacro garantito, i Cattle Decapitation mostrano ancora una volta come si bastona senza risultare monotematici. Forse un pelino inferiore a “Monolith of Inhumantiy”, resta comunque Metallo ferocissimo di grande pregio.

Pentacoli figati:3 e mezzo!

Clutch-Psychic Warfare

dd

Questo è un disco bomba ragazzi e mi rammarico che non abbia avuto modo di recensirlo per bene. Energia, rock’n roll, qualche spruzzo di Motörhead per un disco che se non è un capolavoro, poco ci manca. Disco assurdamente divertente ed adrenalinico.

Pentacoli figati: 4

Dagoba-Tales of the Black Dawn

ff

Sempre efficaci questi Franzosi nel portare avanti il loro discorso Industrial-Death con personalità. Moderni, melodici e pestoni quanto basta. 

Pentacoli Figati:3

Devil You Know-They Bleed Red

ddd

Il primo disco non era malaccio, Metallo moderno come si deve e al quale Howard Jones donava una certa personalità col suo timbro riconoscibile. “They Bleed Red” è molto meglio, le canzoni sono migliori e tutto fila liscio.

Pentacoli figati:3 e mezzo!

Dew-Scented-Intermination

L?ennesimo

L’ennesimo capitolo di una storia tutta uguale. Slayer-At The Gates frullati insieme per un album che dura nella memoria quanto lo spazio di una scoreggia, pur brutale e sonora.

Pentacoli figati:2

Disturbed-Immortalized

ff

Un ritorno tutto sommato soddisfacente quello dei Disturbed. La minestra ha sempre lo stesso sapore, diverte senza stupire troppo.

Pentacoli figati:3

Lande&Holter-Dracula-Swing of Death

d

La meravigliosa voce di Lande spazia in lungo e in largo in questo affresco Heavy dai toni pomposi e lirici. Non esce tutti i giorni roba del genere, un ascolto è per lo meno dovuto anche solo per la prestazione di Jorn Lande.

Pentacoli figati:3 e mezzo!

Drudkh-A Furrow cut short

ff

Dalla fredda Ucraina tornano i Drudkh con un album diretto di Black Metal, carico di toni epici ed una sottile vena malinconica che striscia sotto la pelle di questo bellissimo lavoro. Se non li conoscete è un buon pretesto per farlo con questo disco.

Pentacoli figati:3 e mezzo!

Eldritch- Underlying Issues

dd

Vanno avanti senza remore i toscani Eldritch, alfieri di un Prog Metal sempre ricco di spunti. Un album dove il valore della band viene confermato, non è da tutti non finire mai sotto la sufficienza nell’arco dellapropria carriera.

Pentacoli figati:3 e mezzo!

Forgotten Tomb- Hurt yourself and the ones you love

gg

Ancora Italia e ancora Metallo di qualità, stavolta però siamo su territori più estremi: Black Metal che si contamina col Doom ed elementi sludge efficacissimi. L’album è una botta, ricco di ottima musica, non uscirà facile dalle vostre orecchie se gli concedete fiducia.

Pentacoli figati:3 e mezzo!

Frantic Amber- Burning Insight

ddd

Band al femminile proveniente dalla Svezia dedita ad un Death Melodico tipico di quelle parti. Non sorprende manco un po’, ma le ragazze hanno stoffa e convincono. Vedremo se in futuro riusciranno ad esprimersi in maniera più personale.

Pentacoli figati:2 e mezzo!

Fuck the Facts- Desire will rot

dd

Grindcore incazzatissimo e tirato pronto a squagliarvi i timpani. La band esiste dal 1999, io li ho scoperti con questo carico d’odio. Niente male la voce brutale della signorina Mel Mongeon ad accompagnare i violenti proiettili sparati dal gruppo.

Pentacoli figati:3 e mezzo!

Gentlemans Pistols-Hustler’s Row

dd

Per nulla appagato dal ritorno meraviglioso dei Carcass, Bill Steer si concede un’incursione nel rock settantiano che gli piace tanto. Album che spacca i culi, manco a dirlo. Caro Bill ma come fai?

Pentacoli figati:3 e mezzo!

Gorgoroth- Instinctus Bestialis

ff

Infernus riporta il nero verbo dei Gorgoroth alla vita con un album di Black Metal che si contamina con il Death Metal, poco accostabile al passato della band. Prova a stare al passo con i tempi il leader del gruppo, qui in formazione suonava pure il compianto Frank Watkins degli Obituary, con un album solido e pregno di cattiveria sonora. A molti fan non è andato giù perchè dei Gorgoroth ha solo il nome, a me non frega un beneamato e me lo sono goduto.

Pentacoli figati:3

E anche la seconda parte ce la siamo sparata. Appuntamento con la terza, intanto ditemi cosa avevate saltato e se c’è qualcosa di stuzzicante.

The Gallery XIII


Benvenuti alla ormai lanciatissima “The Gallery”. Oggi offriamo parcheggio gratuito per automobili e Bus, un pacchetto omaggio pagando il biglietto d’ingresso. Il pacchetto omaggio comprende:

  • riproduzione 30X30 di un’opera presente nella Gallery
  • sacchettino di carta per emesi improvvise
  • adesivo raffigurante la faccia del parcheggiatore che lavora presso di noi
  • una caramella mou
  • un capello originale di Philippe Daverio

Approfittate della strepitosa offerta quanto prima!

1. La vera Puffetta

Non è così bella senza tutti quei Puffi intorno...

2. My name is Dirkschneider, Udo Dirkschneider.

Va bene lo stesso se ti chiamiamo Pino?

3. Posso fare una domanda?

Una mano grigia che sembra chiedere il permesso a qualcuno. Copertina piuttosto anonima e priva di "pathos", "impreziosita" dai fori finti.

E pensare che erano riusciti a farla ancora più anonima. Come saprete hanno cambiato questo artwork perchè somigliava troppo a questo agevolato di seguito.

Effettivamente era così bella da copiare...

4.Una testa, un perchè

Una leggenda che comincia male: la testa che blocca il passaggio del tizio con la permanente è una scultura? Una scenografia di carta? Un casello dell'Anas?

5.Yngwie D’Urso Malmsteen

Non è più credibile la chitarra che va a fuoco del suo viso? Fotoscioppamente parlando...

Ne vorreste ancora vero? Non fate gli ingordi, “The Gallery” torna la prossima settimana, e ricordate di parlare ai vostri amici della nostra pregiatissima collezione d’arte. Vi ricordo che i precedenti appuntamenti li potrete consultare cliccando nel virile box a lato “Le Rubriche del Metallo” la voce “The Gallery”.

"Cosa penso di chi non legge questo blog e questa rubrica?" Il giudizio sincero di Dave Mustaine