The Gallery CCXXXXVII


Bentornati nella Gallery carissimi! Non potremmo farvi mancare come ogni mercoledì la vostra dose di bellezza e Arte sublime, nuove eccitanti opere attendono di essere vissute e giudicate, apprezzate ed amate da voi, ormai esperti e legati per sempre a doppio filo alle nostre sale. Chi di voi invece si appresta a percorrere per la prima volta i nostri ampi corridoi sappia che avrà a disposizione ogni aiuto possibile dal nostro staff, sia per non smarrirsi nella labirintica struttura e non perdere il filo logico della nostra esposizione. In caso di malessere non temete, è normale.

 1.Idea fallimentare

d

Un incantatore di serpenti per distinguersi dalla concorrenza ha immerso il suo in un barile pieno di scorie radioattive, tanto da dover indossare una tuta per non assorbire le radiazioni. Purtroppo per lui il mefitico odore, accompagnato dalla paura di essere irradiati, tiene il pubblico lontano alcune decine di metri dai suoi spettacoli.

2.Lettera fatale

dd

“Se la rilegge ancora me sparo!” dice il primo rivolto al tizio al centro, a cui basta una scusa qualunque per bere. Sintonizza la tv e non ascolta la decima lettura della lettera del militare triste, con la quale viene informato di essere un cornuto.

3.Giovani ribelli

dd

“Scavo una buca con la chitarra di papà!!!” “Sìììììì”

4.Medici senza frontiere

dd

Un essere mollemente adagiato su un letto di palme in plastica, attende la visita del noto dottore interplanetario, il quale ha già imbracciato le sue propaggini per evitare di toccare i malati. Avendo contagiato mille e seicento malattie da quando ha cominciato è costretto a lavorare con quegli scomodi arnesi, anche per non diffondere il morbo di cui soffre: la devastante dermatite a coste.

5.Esperimenti

dd

“Ora bambini, ditemi come vi sentite con uno scolapasta in testa” chiede il primate di Parapsicologia alle due cavie volontarie.

Con allegria e baldanza giungiamo nella sala allestita grazie alle donazioni di voi amici segnalatori, pardon Gallerysti Onorari!. Li ringraziamo con gratitudine e rispetto. Ad illuminare le nostre pupille comincia Todd.

6. Battle for the Stufa of Ghisa

dd

“Tutto ‘sto casino dovete fa ogni volta? Vi ho chiesto due ciocchetti per la stufa, mica la costruzione di un Drakkar! Poi tu con la lancia cosa ci dovresti fare?” “Elimino con fierezza i conigli nemici che attentano alla nostra vita guerriera!”

7.Minimalismo intenzionale

dd

Come ben dice Todd nella lettera d’accompagnamento alle opere donate, questo pezzo trasuda infantilismo da ogni parte. La scelta di rendere deforme e semplicistico, infantile appunto, il disegno è una volontà ben precisa. L’artista disdegnando ogni forma di tecnica alta, si affida alla sciatteria voluta, donando all’opera una maturità maggiore ed una freschezza senza pari.

Chiudiamo l’ampliamento odierno con le donazioni di Giuseppe Moretti, al quale estendiamo il ringraziamento sentito di cui sopra.

8.Verso lo spazio, eleganti

dd

Per la prima volta un razzo vettore a forma di rossetto raggiungerà lo spazio, portando con sè la sonda “Pupa” che esplorerà Marte in cerca di tracce di Sephora. La forma del razzo non ha alcuna valenza aerodinamica o funzionale, ma è stata imposta dallo sponsor. Il quale ha donato anche il cachet alla tipa che suonerà cover degli Hawkwind.

9.Vendetta

fff

“Ti raggiungerò, dannato maligno che hai messo sotto scacco la città! Non importa se le esplosioni casuali mi uccideranno, non importa se la gomma andrà a fuoco del tutto facendomi cadere rovinosamente! Ti lancerò questo fulmine di stucco tra gli occhi!”

10.Chiave metafisica

dd

Un grande insieme metafisico avvolge le nostre menti osservando quest’opera dal respiro epico e confusionario. La vuotezza dell’ambiente ci angoscia, ancor più del senso introvabile che caratterizza il tutto.

11.

e

E a proposito di chiavi e senso, ora sappiamo chi è che si diverte a gettare chiavi enormi in giro. Il demone Cisa, temibile persecutore di ogni essere vivente in possesso di un mazzo di chiavi, si diverte a confondere e a tormentare tutti coloro che non dispongono dell’attenzione necessaria per contrastare i suoi scherzi più noti: chiavi smarrite, chiavi sbagliate nelle toppe e altri inconvenienti legati al mondo delle serrature. Gli antichi usavano il demone Cisa come metafora della vita, in cui basta avere le chiavi giuste per farsi strada, ma solo se si era degni di contrastare le sue macchinazioni.

12.Ancora un collagismo mancato

ddd

Una forma di collagismo ordinato che assembla con troppa logica gli elementi, superando così la nota corrente artistica, nota per la casualità degli elementi accostati fra loro. Guardando la scena, mal composta di proposito, si evince che i quattro tossici stiano dando un rave a Stonehenge, mal contrastati da un unico poliziotto. L’elemento davvero strano è l’animale sulla destra, il quale non ha una funzione netta e comprensibile nell’insieme.

 

Vi salutiamo ricordandovi di segnalare le opere che ritenete degne del nostro spazio museale, oltre al favore di far conoscere questa preziosa opera di divulgazione anche ad altri.

Per visitare i precedenti ampliamenti della Gallery, cliccate sull’immagine in testa al post oppure su quella identica a lato.  

Arriveduàr…

Annunci

2 commenti su “The Gallery CCXXXXVII

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...