Opeth- Sorceress


opethsorceressfinalcdYaaaawn!! Oh scusate lo sbadiglio, ma non è proprio semplice ascoltarsi 57 minuti di rottura di palle infinita, inesorabile ed implacabile come questo “Sorceress”. Gli Opeth hanno prevedibilmente proseguito lungo la strada del Prog, con una sicumera ed una presunzione che non ammette repliche, solo sbadigli pericolosi per la mascella. Ricordo che il precedente “Heritage” * mi aveva infinocchiato per bene, portandomi ad incensare un lavoro che calava dopo ogni ascolto, sempre più sofferto ed insopportabile. Il problema degli Opeth attuali non è quello di suonare una musica che ha già detto tutto e di cui con orecchio nemmeno troppo esperto si possono intuire passaggi ed intenzioni, è la cieca riproposizione di un discorso senza preoccuparsi minimamente di renderlo un minimo personale ed interessante. I pezzi sono tutti mortalmente noiosi, mosci e che tutti abbiamo almeno sentito una volta nella vita, solo suonati in maniera più sincera e radicata nel contesto storico. Ma me ne frega meno di un cane che piscia nel deserto se si vestono come negli anni 70 per sembrare autentici Progster del periodo, gli piace così e non ci sono problemi, quello che mi urta è il palese intento di cercare di vendere una roba che già da sola grida “SETTANTA!SET-TAN-TA!SET-TAN-TA”, risultando solo più didascalici del loro disco. Io li ho pure amati gli Opeth, mi sono digerito la trasformazione da “Band che ha qualcosa da dire” a quella “Vi diciamo noi quello che voi ignorantoni non sapete anche se non vi interessa”, oggi mi stanno cordialmente sulle palle. E manco troppo cordialmente. Se riesco a svegliarmi in tempo li caccio pure da lì. Basta guardare la copertina: uno splendido pavone (animale fanatico pieno di sè secondo la tradizione popolare) che fa la ruota su una pila di cadaveri, sovrastandoli con la sua bellezza e sputazzandoci pure sopra con scherno. Il “recondito” significato dell’immagine è presto svelato, il passato Death Metal seppellito dall’attuale forma della band, bellissima e sicura di sè. Continuate a raccontarvelo, mi raccomando.

Evitate questo disco come se fosse quello delle Babymetal(tanto per fare un nome odiato al 100% dalla massa metallica, per inciso risultano più energiche e divertenti di questi coattoni hipster, assurdo ma vero). E state ancora a rompere il cazzo ai Metallica. Per dire.

Tracklist:

01. Persephone
02. Sorceress
03. The Wilde Flowers
04. Will O The Wisp
05. Chrysalis
06. Sorceress 2
07. The Seventh Sojourn
08. Strange Brew
09. A Fleeting Glance
10. Era
11. Persephone 

Voto:1stella

L’assaggio del disco, se aveste problemi di insonnia: la title track

 

sss

Gli Opeth in una posa spontanea troppo anni 70

*avevo dimenticato che prima di questo era uscito “Pale Communion”, chissà come mai l’ho scordato…

Annunci

2 commenti su “Opeth- Sorceress

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...