The Gallery CCXI


Salve a tutti, siete puntualissimi anche oggi. Un nuovo ampliamento e voi già a fare la fila, alcuni poco saggiamente ingurgitano snacks, robe che scrocchiano e bevono bibite. Sembra ieri che davamo consigli su come prepararsi al meglio per il vostro percorso nella Gallery, oggi tutti sanno che per visitare le nostre sale senza brutte sorprese bisogna entrare a stomaco vuoto, ricordandosi di  segnalare tutti i problemi di salute congeniti al personale addetto, il quale vi assisterà assicurandovi un giusto livello di riservatezza. Nessuno saprà che soffrite di colite o altro. Eppure alcuni mangiano e bevono, così senza pensieri. Lasciamoli fare, quando l’Arte li colpirà allo stomaco se ne ricorderanno.

 1.Richiami

ee

Non svegliatela. Non vuole guardare questa realtà figlia di “tempi draconiani”, ispirata da paradisi perduti, fuori tempo massimo. Ben venti anni dopo. (lo so qualcuno non comprenderà i “raffinatissimi” rimandi artistici a cui fa riferimento il nostro critico Salvador Dachì (non Dalì). Chiedete al personale o alle guide tramite il comodo modulo chiamato “commenti”)

2.Feeling

ddd

Uno scatto artistico, pregnante. Si legge la volontà di mettere in risalto la connessione tra l’artista sul palco ed il suo pubblico, assai numeroso (due capocce e due mani). Purtroppo sembra che le due mani stiano mandando a quel paese lui ed il fotografo senza tanti complimenti.

3.Buddanata

ggg

“Il terzo occhio non sta nel mezzo della fronte, dove più o meno si trova l’ipofisi. No, il terzo occhio si trova nella gola, subito dietro le papille gustative che sentono l’amaro. E’ li che risiede la trascendenza, il livello superiore, dove passa il cibo, l’alcol, il tabacco, varie ed eventuali. Che ce passa in fronte? Il sudore?” Questa era l’idea di Ubaldos Kecatsòs Dichi, noto pensatore di Salonicco, allievo di Sai PaPà, il guru indiano che si pettinava come Jimi Hendrix.

4.Bellezza provocante

ff

Guardate il seno esplosivo, curvo come un dosso stradale,  il viso assorto e voluttuoso, i fianchi morbidi e sinuosi. Poi fermatevi ad ammirare il piede che ha al posto della mano. Una provocazione mica da ridere no? Pensate ai vari concetti del canone odierno di bellezza e capirete quanto questo artista sia dirompente.

 

5.Il lamento

ddd

“Signore perdonami se ho alzato la voce, io volevo solo essere come te! Ti prego, ripigliate ‘sto pianeta! Che cazzo ce devo fa? Fanno tutto benissimo da soli, e m’annoio!”

Si arriva nella parte dell’ampliamento decorata ed allestita grazie ai nostri amici segnalatori. Li ringraziamo come se non ci fosse un dopo domani, ci piace procrastinare. Il primo a ricevere il nostro e vostro plauso è Giuseppe Moretti. Grazie Big G.!

6.Il lamento 2

dd

Dio non ne può più dei lamenti di Satana e decide così di cancellare il motivo di tanto strazio. Il Pianeta Terra viene sconquassato da tre Arcangeli avvolti dalla maionese paradisiaca.Sparano ognuno dal proprio occhio destro dei fulmini micidiali. Per ora uno sconosciuto strato atmosferico che circonda il globo terrestre resiste al tremendo assalto monoculare dei tre. 

7.Miniatura deliziosa

ddd

In questa miniatura possiamo vedere con immensa fatica, il pregevole lavoro di composizione e l’altrettanto impressionante dominante blu. Concentrandoci a guardarla per pochi minuti tutto sembra bellissimo, non esagerate con i tempi oppure perderete l’effetto.

8.Faccia da…

fff

Carta doppio velo, dotata di occhi per mascherare e confondere i lineamenti di tutte le facce da culo, anche le più sfrontate. Assorbe e non si macchia, rendendola la scelta ideale per coprire le vostre pudenda facciali.

Chiude l’ampliamento di oggi, il buon Todd. Anche per lui un ringraziamento in stile. Grazie Big T.!

9.Verosimile

fff

Dal teatro avanguardista “Sistira” in Roma, la compagnia “Avanguardia Medica” mette in scena lo spettacolo “Delitti e fastidi”. Regia di Enzo Paolo Sturby. Per prenotazioni: siete sicuri?

10.Cobra

ddd

“Il cobra non è un serpente/ma un gran deficente/ Va in giro a rigar le macchine/con la lingua biforcuta/ o che paura fottuta” Ammesso che la trovi un automobile a Morbidonia, il regno soft dove persino le lapidi sono di soffice biscotto.

 

Vi salutiamo ricordandovi di segnalare le opere che ritenete degne del nostro spazio museale, oltre al favore di far conoscere questa preziosa opera di divulgazione anche ad altri.

Per visitare i precedenti ampliamenti della Gallery, cliccate sull’immagine in testa al post oppure su quella identica a lato.  

Arriveduàr…

Annunci

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...