Armored Saint- Win Hands Down


Armored-Saint_Win-Hands-DownGrazie Armored Saint, davvero.

Sempre lì da una parte, piccoli ma incazzati, a tirare fuori dischi con una verve incredibile, una musica che ti spreme l’adrenalina ad ogni giro, come molti non sanno proprio fare nonostante mega produzioni e suoni roboanti che appiattiscono completamente la dinamica nella loro musica. Voi no, sempre a pompare, a provare qualcosa di nuovo dal solito eppure sempre bello duro ed energico. Già quando facevate i pirla con le armature di stagnola e i capelli “fonati” eravate una spanna sopra certi altri, avevate quel guizzo che vi portava a non riciclare i soliti riff aggiungendo parole diverse. Come si fa lo sapete solo voi, io che vi posso dire se non che anche ‘sto disco, dopo il rimbalzante “La Raza” vi ha riportato nelle mie orecchie belli pimpanti e freschi da morire. Anzi pure meglio, vi dirò.

Fanculo le suite, i minutaggi elefantiaci e le sbrodolate, basta un riff azzeccato, un basso sempre pulsante e la voce potente di John Bush per costruire un pezzo magnifico come la title track. Ti si schiaffa in testa dopo il primo ascolto, incredibile per semplicità apparente e l’energia incontrollabile che sprizza fuori già dalla prima accoppiata strofa-ritornello.

ComPentacle_top albume farete a non masticare la stessa formula fino alla fine, ma passate da sganassoni superMetallici a melodie Hard grattugia-timpani, a pezzi quasi jazzati senza per questo tirarvi le seghe in faccia all’ascoltatore. Come si fa a non ringraziarvi per tutto ciò? Basterebbero i duetti chitarra-voce su “An exercise in debauchery” per esaltarsi come adolescenti alla prima esperienza con l’altro sesso, salvo poi riprendere un contegno maggiore sulla più adulta ma altrettanto ficcante “Muscle Memory” che ha un inizio “ottantiano” come non se ne sentiva da un pezzo. Ma cos’è quel basso, quelle chitarre effettate con quel crescendo di Bush che entra pian piano? E poi diventa tutt’altro pezzo con il coro che spacca culi a rotella. No davvero, ditemi voi come si fa, almeno diffondiamo un po’ la voce ed evitiamo di tirarci nel gozzo l’ennesimo clone degli Overkill o dei Maiden.

Io non lo so, ma vi ringrazio apertamente sperando che altri si uniscano a questa mia.

In Fede,

Max “Helldorado”

Tracklist:

01. Win Hands Down
02. Mess
03. An Exercise in Debauchery
04. Muscle Memory
05. That Was Then, Way Back When
06. With a Full Head of Steam
07. In an Instant
08. Dive
09. Up Yours

Voto:

4stelle

 

L’assaggio del disco: la rimbalzosissima title track

L'unico Bush buono?

L’unico Bush buono?

Annunci

9 commenti su “Armored Saint- Win Hands Down

  1. te pensa, sto aspettando in questi giorni che mi mettano Revelation in cassetta della posta. e già ho Symbol of salvation.

    è di certo un gruppo con i controcazzi (…si può dire controcazzi su Ram???), che fa musica bella rocciosa ma al tempo stesso melodica. di sicuro avrebbe meritato una fama maggiore in carriera. vedrò di ascoltare questo nuovo lavoro.

  2. l’ho ascoltato (un pochino distrattamente, mea culpa…) su youtube, sembra un lavoro ben fatto, senza cedimenti e come ci si aspetta da una band di questo calibro. se mi capitasse a un prezzino buono lo potrei anche portare a casa, perchè no?

  3. Uh, questo devo ancora ascoltarlo 🙂
    I primi quattro non si discutono, i due “nuovi” invece non mi avevano convinto fino in fondo, pur non essendo comunque brutti.

    Grandi AS, comunque, avrebbero meritato ben altra fama, loro…

  4. Sono incredibili….E tu hai centrato il nocciolo della questione nella tua recensione. Gli Armored Saint hanno un loro stile. Riconoscibilissimo. E una “eleganza” negli arrangiamenti che altri gruppi se li sognano. Io non ricordo in 30 anni di aver ascoltato un loro disco brutto. E poi la voce di Bush è veramente bella. Sono stati sfigati a non trovare un supporto valido al loro esordio. La Chrysalis non era una etichetta in grado di supportare a dovere un gruppo come loro…Peccato.

  5. Pingback: R.A.M. The Awards Down! 2015 | Rude Awake Metal

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...