The Gallery CXLIX


Benvenuti amici carissimi ed estimatori di opere d’Arte fuori dal comune. Anche oggi un nuovo, curatissimo ampliamento attende di soddisfare le vostre voglie più urgenti, ma lasciateci prima ricordare un artista unico venuto a mancare ieri. Raccoglietevi nella hall dopo aver fatto il biglietto, il Direttore terrà un breve discorso per ricordarlo.

Signore e signori, il Direttore (niente applausi o urla grazie, le vibrazioni infastidiscono le delicate tele esposte):

Quando se ne va un genio vero, forse uno degli ultimi artisti originali dell’Arte moderna, si rimane tutti un po’ interdetti e perchè no, addolorati. HR Giger era un gigante, un artista che si è spinto in territori in genere poco considerati dall’Arte. Mostri, entità sovrumane che si mescolano in scenari inquietanti, assurdi. Immersi in un Inferno visionario e desolante, dove il simbolismo sessuale si mostra prepotente e violento, dove la bellezza viene mescolata ed ibridata, sporcata, corrotta ed allo stesso tempo esaltata, in una visione personalissima e impossibile da imitare per chiunque. Giger era il folle che dipinge la follia, l’uomo comune che apre la sua mente al recondito per mostrarlo a tutti o semplicemente un artista a tutto tondo che non aveva paura dei suoi lati oscuri? Forse tutto questo, forse niente. La prima volta che sentii parlare di lui fu a causa di Alien 2. Non ricordo come arrivò quella notizia, forse da qualche speciale in Tv, forse da qualche quotidiano, non ricordo affatto. Ricordo però che rimase solo un nome per molti anni,ricorderete che negli anni 80 non c’era Internet e documentarsi era difficile, soprattutto nei tumultuosi anni in cui la mia attenzione veniva continuamente distratta da altre cose, come i fumetti o i Masters.  Ma rimase ben piantato in testa il nome del creatore di quella creatura che aveva turbato i miei sonni per settimane, affascinandomi e terrorizzandomi allo stesso tempo. Era una di quelle cose che era bello sapere e tirare fuori negli ingenui discorsi tra bambini per darsi un tono, ma nessuno rimaneva particolarmente sorpreso o intrigato da quella nozione. Crescendo però, Giger lo incontravo sempre più spesso, cominciai a conoscere davvero chi fosse come artista, rimanendo abbagliato dalle sue tele, dal suo modo di concepire l’Arte. Mi resi conto pian piano che Alien era solo la punta di un iceberg nero come la notte. Non vorrei tediarvi oltre, saluto con stima enorme Giger, non osando dedicargli l’ampliamento o altre sale, perchè sarebbe un insulto. Addio Maestro ti dedichiamo una canzone. Scontata? Chi se ne frega, mica siamo dei geni noi.

hr-giger1

Ed ora via a visitare!

 1.Ragu Rage

dd

Un ragù cotto troppo a lungo ha generato un mostro tremendo, forse a causa di quello strano basilico che il cuoco nano ha raccolto. I presenti non sembrano molto turbati, stanno per organizzare una simpatica orgia a tema “super eroi” e un mostro in più può far comodo. 

 

2.Uccellame

dd

Un patchwork azzeccatissimo, nel quale riescono a convivere ingranaggi, zampe, occhi vispi, becchi e pelliccia. L’albero sottosopra definisce la volontà chiaramente collagista dell’insieme, rinforzata dall’infisso incollato con la vinavil a sinistra.

3.Macchiettismo 

ddd

Il macchiettismo alla fragola torna a catturare la vostra attenzione in quest’opera che farà sollevare al vostro cervello alcune domande fondamentali, una fra tutte:ma una macchia così con Dash viene via?

ddd

“non lo chiedete a me, che mi lava tutto la filippina. Al massimo mia mamma”

 

4.Massive killing capacity

ff

Vi siete mai chiesti come fa la Morte a compiere quelle belle stragi con una sola falce? Quest’opera fornisce una spiegazione chiarissima: fa morire di risate  chi la guarda impugnando un bazooka ricavato da un vecchio cric di una 600 Multipla. Altro che falce…

 

5. Attentabbies!

ddd

Uno dei sogni ricorrenti di ogni bambino, vedere i Teletubbies spazzati via da uno scoreggione nucleare mentre visitano la collinetta di Windows Xp. Perchè uno schiaffo per uno è poco.

 

6.Carichi sporgenti

dd

Un camion con il rimorchio in salita sta portando una chitarra gigantesca, contravvenendo alle più basilari norme del codice della strada  riguardanti il trasporto merci. Ma il camionista se ne fotte, col suo camion speciale dagli occhi tristi percorre strade secondarie in mezzo al deserto, sicuro e libero come un moderno caubboi.

Arriviamo alle pareti allestite grazie al prezioso contributo dei nostri amici segnalatori. Cominciamo col talentuoso Giuseppe Moretti, al quale oltre ad un meritato ringraziamento, porgiamo anche umili scuse per aver dimenticato di inserire le sue opere Mercoledì scorso.

7.Solo carni scelte

ddd

“Ma semo sicuri che è fresca?” “che non lo vedi? Tagliata adesso, fidati!” si preoccupano per la salute i due cannibali dai nasi importanti, ai quali piace mangiare solo carne scelta dai migliori allevamenti. E senza tovaglia perchè non c’han voglia di pensare alle domande sollevate dall’opera numero 3.

 

8.Trota 50

ddd

Un rarissimo esemplare di “trotas comunia mecchanizzata”, nome scientifico per questo orribile pesce che si nutre di mucillaggine. Si dice originato da un rapporto carnale fra un pescatore solitario e una trota appena pescata, gettata poi in una discarica per il rimorso estremo. Ma più probabilmente è il parto di una cattiva digestione.

 

9.Chicazz?

ddd

Un gruppo di maniaci cosplayer ha deciso di seguire le orme di Kick Ass e farsi pestare non appena mettono il naso fuori di casa. Hai voglia a mettere delle fiamme ritagliate con la roncola e pupazzi morbidosi che sparano fulmini dagli occhi…

 

10.Innocenti giochi

vvv

“Hans dove cazzo hai messo la tenda della cucina?? Hans porca di una troia non starai mica facendo di nuovo l’imbecille con Hans-Domenichun nel lago eh? Te caccio de casa stavolta…Haaaaaans!!”

Chiude l’ampliamento di oggi il prode Alberto, tornato in forma dopo un periodo di giustificabile riposo. A lui un ringraziamento sincero e una stretta di mano vigorosa.

11.Salutate la nuova carne e rimpiangete quella vecchia

fff

A proposito di esseri biomeccanici inseriti in paesaggi assurdi, si fa notare questo cavatappi -morsa  antropomorfo. L’espressione intelligente e fiera lo rende una delle creature più terribili mai apparse su tela. 

 

12.Aiutatelo o perite!

ddd

L’uomo che mangiava i pugni è tra noi! Volano via bocche ed occhi al suo passaggio, spaghetti al tonno prendono vita di fronte all’uomo che mangiava i pugni! Tremate mortali, oppure scucite un po’ di Citrosodina, magari si impietosisce.

 

 13.Sebastian Becco

dd

Bach in posizione da “karate der quarticciolo” sta per sfogare la sua furia contro chi lo ha chiamato “cornutaccio”.  Canterà a morte “eighteen and life” a chi lo ha insultato, come suggerito dal vecchiardo alle sue spalle che da giovane è divenuto immune ai poteri di quella canzone strappamutande, venuto per non perdersi lo spettacolo.

 

 

Vi salutiamo ricordandovi di segnalare le opere che ritenete degne del nostro spazio museale, oltre al favore di far conoscere questa preziosa opera di divulgazione anche ad altri.

Per visitare i precedenti ampliamenti della Gallery, cliccate sull’immagine in testa al post oppure su quella identica a lato.

 

Arriveduàr…

 

Annunci

10 commenti su “The Gallery CXLIX

  1. Ti avevo detto che ti facevo sapere, nuovo Soreption arrivato, e confermo la mia prima impressione, grazie a brani non troppo lunghi è il primo album di tecnical death metal che non mi rompe le palle dopo 10 minuti 😉 ottimo acquisto, grazie 🙂

  2. io avevo preparato le “opere”, solo che ieri mi è venuta la febbre a 39 e ho dimenticato di inviartele. diciamo che prendo la gallery come una terapia d’urto: o guarisci o ti da il colpo di grazia!! (specie i teletubbies)

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...