Devildriver- Winter Kills


DevilDriver-Winter-KillsI Devildriver hanno sempre avuto un grosso difetto e non è il ripetere ad oltranza il loro secondo disco come qualcuno pensa.  Cioè un attimo, è un grosso difetto anche quello, ma pensandoci bene ne hanno un altro che li penalizza ancora di più della loro coazione a ripetere se stessi.

La loro più grande debolezza è che non sanno scartare i pezzi che escono dalle loro session, pubblicando regolarmente ad intervalli brevissimi l’uno dall’altro, album lunghi e pieni di canzoni inutili. Dodici o tredici brani che rendono ogni disco un lungo passeggiare tra pezzi buoni, altri discreti ed altri ancora insignificanti e noiosi, favorendo la quantità alla qualità. Purtroppo è una tendenza che non accenna a sparire nemmeno sull’ultimo “Winter Kills”, ennesimo album senza particolari picchi ne particolari demeriti. Aggressione diretta e feroce come da tradizione, con un Fafara sempre convincente quando si tratta di spaccare. E da quando ha preferito i capelli lunghi alle treccine se ne sono accorti anche quelli che lo ignoravano nei Coal Chamber.

ggg

NO buono!

ddd

Epico!

Per il resto c’è poco da dire che il fan dei Devildriver non sappia già. C’è groove, ci sono “i pezzoni per far venire giù i palazzi” ma come spesso succede coi loro dischi, si perde spesso il filo se si ascoltano appena un po’ distrattamente. Tipo che le canzoni si mescolano in una specie di “minestrone chugga-chugga” , roba che uno a fine ascolto non si ricorda distintamente un cazzo di quello che ha sentito. Ci si diverte pure con i Devildriver, davvero, ma è un divertimento effimero che lascia poco. E non contano gli inserti timidini  di melodia, anche la tanto incensata “Sail” rimane un simpatico esperimento senza troppe pretese, una cover che sigilla la fine di un disco non brutto ma manco bello. Non noioso ma neanche così esaltante, in una parola mediocre.

Tracklist:

01. The Oath
02. Ruthless
03. Desperate Times
04. Winter Kills
05. The Appetite
06. Gutted
07. Curses and Epitaph’s
08. Caring’s Overkill
09. Hunting Refrain
10. Tripping Over Tombstones
11. Sail

Voto:

2stellee mezzo!

L’assaggio del disco: “Ruthless”

Annunci

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...