Annihilator- Feast


Annihilator-FeastGrande copertina, grande logo stampato sopra, grande aspettativa. Grandissima delusione. In quattro semplici fasi il tuo rapporto con “Feast”, l’ultimo moscissimo, imbarazzante album degli Annihilator, band che ha sempre vissuto sulla linea di confine tra grandezza e ridicolo. Avete presente no?

La grandezza dei soliti dischi, quelli che citiamo tutti quando ci si deve ricordare il perchè continuiamo ogni volta ad attendere del nuovo materiale da Jeff Waters, il ridicolo di dischi osceni come “All For You” o “Remains”,   da far tremare le orecchie anche al fanboy più esagitato (forse).

“Feast” è l’emblema di questo dualismo perenne della band, un’alternanza paurosa tra orribili brani e altri non grandiosi ma almeno decenti. Provate ad ascoltare quell’aborto di “Smear Campaign”, canzone che parte come il classico brano aggressivo e pimpante, si trasforma a metà in una rivoltante tarantella che solo a scriverci su ti viene da ridere.

Ma ci sono anche brani solo brutti come la successiva “No Surrender”, che comincia come una sigletta di qualche show ameregano, prosegue con un classico brano cadenzato poco interessante e finisce come era iniziata: malissimo.

Questo è “Feast”, un continuo su e giù, con dei picchi clamorosi di tristezza come la ballad “Perfect Angel Eyes”, che riesce ad essere noiosa come un’intervista a Dino Zoff e nello stesso tempo insopportabile come un dibattito a Domenica In. Non c’è fra tanta mediocrità, quel guizzo che di solito ti fa salvare almeno uno o due brani, niente che possa farti pensare di ascoltarlo più di una volta.

Stavolta non è manco colpa della voce di Padden, da sempre la cosa peggiore degli ultimi Annihilator, che si impegna al massimo ma essendo i brani già sciapi,  finisce per annacquarli ancora di più.

Peccato, soprattutto perchè il precedente disco mi era piaciuto assai…

Tracklisting:

01. Deadlock
02. No Way Out
03. Smear Campaign
04. No Surrender
05. Wrapped
06. Perfect Angel Eyes
07. Demon Code
08. Fight The World
09. One Falls, Two Rise

Voto:

2stelle

L’assaggio del disco: il trailer dell’album, tanto non è il caso di approfondire.

UDR0260_annihilator_feast_band_photo_Jeff_Waters_01

E’ inutile che t’arrabbi…

Annunci

6 commenti su “Annihilator- Feast

  1. io ho il precedente, che non è male, molti assoli, pezzi melodici ma anche molto veloci.
    dici ce questo è un passo indietro così netto?

  2. Il problema con gli Annihilator da anni è per me sempre lo stesso: ascolto due-tre canzoni poi basta, mi perdo e non mi rimane impresso niente del disco; troppi alti e bassi, poi allora è ovvio che si vadano sempre a scomodare i soliti, primi due album…

  3. Grande copertina è na parola grossa. E il disco fa cagare a nastro!! Imbarazzante è un eufemismo….Il culmine lo si raggiunge con le stonature di “wrapped”….Sono veramente deluso in quanto fan che ho sempre cercato del buono anche nei dischi peggiori. Ma qui siamo no way back. Peccato.

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...