Aeon- Aeons Black


Il più americano dei gruppi Death Svedesi torna a spaccare senza pietà, dopo il buon responso del precedente “Path of Fire” un disco che ripercorreva fedelemente gli insegnamenti di Morbid Angel e  Cannibal Corpse, mostrando un pervicace attaccamento alle loro sonorità. Nel nuovo “Aeons Black” gli Aeon manco ci provano a definire una propria identità sonora,  componendo un disco vario e divertente ma sempre e comunque devoto al verbo del Death ameregano per la costruzione delle canzoni, la poca concessione alla melodia, muovendosi agevolemente tra canzoni lentissime e pesanti, blast-beat col pepe al culo. L’efficace scrittura dei brani elimina i dubbi che un gruppo così devoto e debitore di altri, possa essere interessante senza risultare inutile. Il vocione di Tommy Dahlström non annoia mai, profondo e scandito alla maniera di “Corpsegrinder” Fisher, senza dubbio l’arma in più del gruppo fra tanti “maiali scannati” tutti uguali. Provate ad ascoltarlo nella title track, una delle canzoni migliori del disco, con l’attacco a polmoni pieni che al giusto volume toglierà le incrostazioni e la sporcizia dalle pareti di casa vostra, senza nessun costo aggiuntivo.

Prodotto in maniera ottimale con tanto di basso udibile, questo lavoro conferma la bontà della band svedese, che sarebbe un peccato bollare come mero gruppo-clone ed ignorarla.

Il merito degli Aeon non è affatto quello di rivoluzionare ed inventare,  piuttosto quello di seguire in maniera eccellente una tradizione nella quale  è sempre più difficile emergere e risultare interessanti. Loro ci riescono bene, sfasciano tutto senza ritegno ma con grande metodo, divertendo per tutti i cinquanta minuti che compongono “Aeons Black”.

Non è poco al giorno d’oggi, ricordatevi sempre come stanno combinati i Morbid Angel

Tracklist:

01. Still They Pray
02. The Glowing Hate
03. The Voice Of The Accuser
04. I Wish You Death
05. Garden Of Sin
06. Neptune The Mystic
07. Nothing Left To Destroy
08. Passage To Hell
09. Aeons Black
10. Dead Means Dead
11. Sacrificed
12. Aftermath
13. Blessed By The Priest
14. Maze Of The Damned
15. Die By My Hands

Voto:

L’assaggio del disco:la title track “Aeons Black”

Tradizionali anche nelle pose, con i meloni immaginari e  l’espressione da stitichezza molesta. Meglio delle facce  inespressive e le chiome da nerd senza dubbio…

Annunci

9 commenti su “Aeon- Aeons Black

  1. Lo devo ascoltare…:-). Quest’anno su suggerimento ho beccato un’altro gruppo svedese che suona molto ameregano (direi Deicide oriented…) e poco Entombed. I Fetus Stench. E mi sono piaciuti parecchio.

    • Grande Fando! Son contentissimo quando faccio proseliti! 🙂

      p.s. recuperati anche il precedente recensitoanche qui, in maniera un po’ pedestre, ma sai ero ancora acerbo. 🙂

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...