Devin Townsend Project- Epicloud


Devin Townsend torna dopo un disco ultracompresso e durissimo come “Deconstruction”, stavolta preferendo le atmosfere più rockeggianti in compagnia di quella sirena che è Anneke “dolce Anneke” Van Giersbergen. E se  è vero che in questo disco prevale il lato più morbidone di Townsend, un po’ come succedeva su “Addicted”, dove c’era sempre Anneke a duettare col canadese  in un disco leggero ma ricco di roba buona, su “Epicloud” si respira comunque molto Metallo ed in alcuni frangenti si sente quella travolgente follia che rendono unico e stra-imitato il geniale pelatone. Pur considerando che è un disco che contiene una tonnellata di roba diversa.

Si rimane subito spiazzati dalla prima canzone, poco più che una intro, dove dei cori gospel ci introducono alla voce di Anneke, e non come ti saresti aspettato quella di un redivivo James Brown vestito da prete. E parte il primo pezzo, “True North”, brano dal ritornello impossibile da scacciare. Il disco prosegue mescolando svariate influenze, basta dare uno sguardo alla tracklist per capire come si passi da soluzioni diversissime tra loro nello spazio di appena tre canzoni. “When we belong” ballatone quasi floydiano, un brano ritmatissimo come “Save our now” e l’assalto devastante di “Kingdom”. Per poi frenare di nuovo e riaccelerare ancora…tutto senza soluzione di continuità, almeno all’apparenza. La coerenza di un lavoro come questo risiede nella folle capacità di Devin nel saper acchiappare l’ascoltatore con sonorità apparentemente inconciliabili, spingendolo a non fossilizzarsi e a prestare attenzione a ciò che sta ascoltando. Il filo conduttore in poche parole è il continuo cambiamento, la continua sorpresa.

Un disco divertente, da scoprire e sviscerare fino in fondo con molti ascolti, perchè se non fa i dischi “a cipolla” Townsend non è contento, si sa. E la voce di Anneke in mezzo a ‘sta follia ci sta proprio una delizia.

Perderselo sarebbe un peccato…

Tracklist:

01 – Effervescent!
02 – True North
03 – Lucky Animals
04 – Liberation
05 – Where We Belong
06 – Save Our Now
07 – Kingdom
08 – Divine
09 – Grace
10 – More!
11 – Lessons
12 – Hold On
13 – Angel

Voto:

L’assaggio del disco, a causa della totale assenza di pezzi sul Tubo e della particolare varietà dello stesso è un teaser dell’album contenente “Effervescent!”

Ecco, se una foto potesse riassumere l’album, questa sarebbe sicuramente quella giusta.

Annunci

8 commenti su “Devin Townsend Project- Epicloud

  1. Madonna Anneke… Uno dei miei sogni erotici più ricorrenti è quello di leccarle il sudore a fine concerto. Con Townsend preferisco accontentarmi dei suoi strepitosi dischi. XD Non vedo l’ora di sentirlo.

  2. Comunque, saro’ un rompipalle incontentabile, ma questo disco lo trovo veramente brutto. Sembra un dischetto easy-listening, robetta senza mordente….boh. Sarà che mi sono sentito per tanto tempo “by a thread” e sono stati soldi spesi benissimo. Ma questo è proprio loffio e ripetitivo….Quest’anno mi rendo conto che abbiamo avuto visioni diametralmente opposte su molti dischi… 🙂

    • Oddio “By a thread” mi sfugge…non mi sputazzare, è un periodo in cui sono abbastanza rincoglionito. Più del solito, insomma…
      p.s. avere pareri contrastanti non è un male, se no di che discutiamo? A me piace molto, una prova del genio di Devin, apparentemente più “facile” di “Deconstruction”, riserva molte sorprese. Magari a te non prende abbastanza, ma è un ottimo disco.

  3. Beh è normale, mica uno puo’ essere al corrente di tutte le uscite discografiche…ahahah. Io l’ho comprato su Amazon (a dire il vero sono riuscito a comprarlo in USA a 55$ + spese)
    Ti metto il link di IBS, dove trovi il dettaglio di questo cofanetto, che come ti dicevo, i soldi li vale tutti.
    http://www.ibs.it/disco/5052205059593/devin-townsend–project-/thread-live-london.html
    In sintesi Ki, Addicted, Ghost e Deconstruction suonati live + 4 DVD + 1 CD con bonus track. Niente male no!!!
    Sono contento di discutere civilmente con qualcuno sui nostri gusti musicali. La mia era solo una piccola riflessione sul fatto che molti dei dischi che a te sono piaciuti parecchio a me hanno lasciato poco. Ovviamente noi sappiamo benissimo che questo non vuol dire assolutamente che “tu non capisci na sega di musica” o io “abbia le recchie foderate de preciutto”. Era una presa d’atto. Probabilmente ognuno di noi in questo periodo ascolta musica con sensibilità molto diverse.
    A dire la veità io mi sono anche dato al truzzo andante (Sybreed, In This Moment. Eclipse). Metto a palla in macchina e prendo questi dischi per quello che sono.Puro entertainment. Anche i Testament, per dire, mi piacciono un casino fino al terzo quarto brano.Poi non li riconosco piu’ e “skippo” o cambio….I Katatonia altra delusione. Album fotocopia del precedente con tasso di noia esponenziale al passare dei brani. Boh…Se dovessi pensare ad un nome che non m’ha tradito quest’anno direi senza dubbio…Kreator!
    Tanto pe fa du chiacchiere…:-)

    • Hai ragione!! L’avevo ignorato…se capita me lo accatto volentieri.
      Fando ma ci mancherebbe…i tuoi commenti sono sempre interessanti, anche perchè se non ti piace una cosa di solito motivi il tutto. E se ‘sto periodo abbiamo opinioni diverse, tanto meglio almeno si discute e si cresce.

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...