Quel Rude Venerdì Metallico /62: Il Cavaliere Oscuro


Oggi si fa un gran parlare di Christopher Nolan e del suo ultimo film sul Cameriere Oscuro, che poi sarebbe Michael Caine dopo troppi Fernet. La chiusura della trilogia su Bat Man (per inciso, oggi se non fai una trilogia non ti si incula nessuno) ha scatenato guerre civili, viulenz’ pestilenz’ schegg’ di granat’, schecc’ di parmigian’ tra i classici “capolavoristi”e i denigratori più accesi.

I “capolavoristi” sono quegli spettatori che per fedeltà e nerditudine al regista, chiamano capolavoro qualsiasi cosa da lui prodotta, gli altri sputerebbero su di lui anche se girasse un film bellissimo.

Tu questo “Dark Knight Rises” l’hai trovato un discreto action movie, girato benissimo con un’accelerata finale spaventosa e alcune soluzioni “cerchiobottiste” di compromesso, sempre obbligatorie per chi fa film che costano l’equivalente del reddito di uno Stato Africano.

Quello che ti diverte e ti fa incazzare allo stesso momento è l’abuso della parola “capolavoro”, ormai sullo stesso livello di “geniale”, altro vocabolo completamente snaturato del suo significato originale.

Nella sempre più sfiancante mediocrità in cui siamo costretti a vivere, questo gridare al capolavoro ogni cinque minuti fa riflettere, non viviamo affatto in tempi così floridi e ricchi di cose indimenticabili, possibile che ci si sia rincoglioniti così tanto da non accorgersene?

I capolavori sono opere innovative ed uniche che mettono un punto fermo dal quale tutti dovranno ripartire e confrontarsi. Un capolavoro è un film come “Halloween” di John Carpenter, oppure “I 400 colpi” di Truffaut , oppure ancora “I soliti Ignoti” di Monicelli. Giusto per capirci…film senza tempo, opere capaci ancora oggi di insegnare come si fa il Cinema, perle di persone che il Cinema lo hanno saputo conoscere a fondo e riuscendo a cambiarlo per sempre, grazie anche ad un talento immenso.

Il film di Nolan è  un buon film che segue per bene le regole del buon Cinema, sicuramente molto meglio di quanto facciano oggi dei zampognari della macchina da presa tipo Zack Snyder o Michael Bay, gente priva non solo di talento, ma proprio dei requisiti minimi per definirsi “regista”,  però infila delle soluzioni di comodo per non far dispiacere al nerd di Bat Man e per non disturbare troppo lo spettatore occasionale, perdendo così l’occasione di ergersi dall’essere   mediocre (in senso ampio).

Non si può piacere a tutti a meno di non fare compromessi ed “il Cameriere” è l’ennesima pellicola che ci ricorda quanto oggi sia difficile trovare il coraggio di far incazzare qualcuno affermando le proprie idee. E così un capolavoro non lo fai, neanche con tutto il talento del mondo.

Per approfondire il discorso su Nolan, il consigliatissimo video di Federico Frusciante, uno che di Cinema ne sa parecchio. Non è il solito bimbominchia di vent’anni che spara minchiate sul Tubo tranquilli, anzi copincollando dall’introduzione che i Licaoni, autori del video, fanno di lui “Federico Frusciante è un musicista, regista e appassionato di Cinema noto sul web col nickname di Superficie 213. Ha scritto recensioni per molti siti e per riviste come FilmTv e Senza Soste”.

Agevolo:

Fatevi un giro anche sulle altre cose pubblicate dai Licaoni, sono davvero interessanti e se in Italia ci fosse buon senso, troveremmo un loro film nelle sale invece dei film di Brizzi.

Per le recensioni più tecniche del film:

La recensione di Hell, Book and Negative

Il Viagra della Mente, recensione di Sommobuta

Il Blog di Gianluca Santini

Primadisvanire.it di Marco Siena

Minuetto Express, di Mr Giobblin

L’antro atomico del Dr. Manhattan, recensione di A. Apreda.

“Alfred, puzzi di Fernet…”

Annunci

24 commenti su “Quel Rude Venerdì Metallico /62: Il Cavaliere Oscuro

  1. Sono completamente d’accordo con il tuo discorso sul concetto di “capolavoro”. Tralasciando il film di Nolan in sé, ormai è sempre così al cinema: non può uscire un film bello senza una massa enorme di fan accaniti pronti a gridare al capolavoro.
    Per quanto mi riguarda è la stessa cosa successa quando sono usciti “Inception” (ops, sempre Nolan…) e “Shutter island”. Belli sì, ma da qui a definirli capolavori… 🙂

    Ciao e grazie per il link!
    Gianluca

  2. I primi due mi sono piaciuti… certo, definirli capolavori ce ne vuole, però rispetto a quelli di metà anni ’90 c’è un abisso. Questo devo ancora vederlo, lo farò prossimamente quando i cinema non saranno presi d’assalto da tribù di fan, nerd, ecc. 🙂

    • Beh quelli di Burton rimangono sempre i miei preferiti, quelli di Nolan mi piacciono peró non mi lascio prendere dall’entusiasmo smodato ed ingiustificato di certi…

  3. Io mi limito a giudicare i film singolarmente quando li vedo, a prescindere da chi sia il regista o gli attori. Posso considerare un film di Tizio stupendo e un altro sempre suo pessimo. Quindi non sono mai per i giudizi netti sui registi tipo “è favoloso” o “è un incapace”.
    Forse gli attori mi condizionano un po’ di più, nel senso che ce ne sono alcuni che di base mi fanno guadagnare al film alcuni punti (tipo Michael Caine…).
    Di Nolan ho visto solo The Prestige e i 3 Batman. The Prestige mi è piaciuto tantissimo. Dei Batman tantissimo il primo, poco il secondo e per niente il terzo.

    Sugli “zampognari”: di Bay mi è piaciuto solo The Rock (quindi sono abbastanza daccordo, anche se magari domani fa un film che mi piace da matti), di Zack Snyder ho visto solo Watchmen e 300, ma mi bastano per osannarlo, anche se il resto che ha fatto o che farà sarà merda! Watchmen è tra i primi 3-4 migliori film di supereroi e 300 è in assoluto al secondo posto nella mia personale classifica dei miei film preferiti di tutti i tempi!
    AU! AU! AU!

    • Raven pensa che io 300 lo metto fra i “cinquanta film che vorrei cancellare dalla mia memoria un domani che sarà possibile”. Watchmen mi piace, ma solo perché la storia funziona da sola, é facile fare un film discreto con quel materiale meraviglioso di Moore.
      Su Charlotte, prego! L’avevo detto che ti avrei accontentato…

      • Curiosità: cosa c’è che ti ha fatto così schifo in 300? Ho sentito altri a cui non è piaciuto (e tutti in pratica per i soliti ridicoli motivi politico/ideologici), ma mai nessuno così severo…
        Quando l’ho visto io in sala ci sono stati 3 (dicasi 3) applausi spontanei. Non mi è mai capitato in nessun altro film…

        • Come saprai è tratto da una graphic-novel di Miller abbastanza discutibile, e lo considero un bravo autore che ultimamente sta svaccando di brutto, però i motivi ideologici-politici non c’entrano, perchè “300” è un film fintissimo, videoclippato e girato in maniera becera, per di più con una storia imbecille ed un estetica ridicola. Insomma è un film che mi fa ridere suo malgrado…

          • Scusa, tralasciando il resto, mi motiveresti quantomeno la “storia imbecille”? Un popolo ne invade un altro e questo cerca di difendersi, cosa c’è di tanto orrendo?

            • E’ arduo tralasciare tutto per concentrarsi sulla storia, però ci proviamo. Il problema non è la storia in sé, una delle più classiche e archetipiche della storia umana, ma come la racconti e che toni usi. I perfetti spartani che sfondano il culo a tutti, passando sopra al mondo per morire e restare nella gloria, vengono raccontati come se fossero personaggi di un videogame. Come in alcuni videogame brutti, la storia è un pretesto per andare avanti a suon di discorsoni e ralenty, senza dare un minimo di profondità al concetto vecchio come l’umanità di guerra per la propria indipendenza.
              Non so se ho reso bene l’idea…

  4. Ah, scusa Hell se uso questo post, ma te lo devo dire qui altrimenti mi dimentico:
    Grazie per aver aggiunto Charlotte ai “bonus scrollatori”! 🙂

  5. Beh, ma il concetto del film è quello, raccontare il sacrificio e la gloria, in tono “eroico”, prendendo spunto da un evento storico e romanzarlo per rendere il tutto più coinvolgente. Mica si possono fare i film di guerra tutti come la Corazzata Potemkin, sai che palle! Ce ne devono essere alcuni anche più “godibili”, sennò saremmo tutti Guidobaldo Maria Riccardelli! Non è che si possono apprezzare solo film d’autore, uno al cinema va anche per divertirsi.

    A questo punto ti chiedo, sempre in tema di film tratti da fumetti, mi dai una tua opinione su V per Vendetta?

    • Ma ci mancherebbe che i film non debbano essere divertenti! Non ho detto questo, ho solo detto che si può fare un film di intrattenimento con una storia labile, ma bisogna saperla raccontare in maniera interessante, cosa che “300” non fa minimamente, colpa anche di Snyder…

      “V for Vendetta” è un ottimo film che guardo sempre volentieri, ma con la roba di Alan Moore è più facile fare buoni film. Anche Snyder con “Watchmen” si è difeso bene… 😀

  6. Appurato che su 300 abbiamo opinioni totalmente antitetiche, ti sottoponevo V per Vendetta proprio per un confronto. Non trovi che si potrebbero muovere a V le stesse obiezioni che fai per 300? Attenzione: i film sono realizzati in maniera diversa, certo, e non sto discutendo su regia o tecnica, ma le “assurdità” di “storia e personaggi” che imputi a 300 in V sono pari pari (anzi, perggiori).
    Mi spiego: anche qui la storia è classica: una dittatura che opprime un popolo e un ribelle che si rivolta contro il regime e ridà libertà alla gente. Ma non si può negare che anche qui (uso parole tue) il perfetto ribelle sfonda il culo a tutti, passando sopra al mondo per morire e restare nella gloria e viene raccontato come se fosse il personaggio di un videogame. E’ assolutamente identico, su questo non ci piove. Tanto più che fa anche “cazzate” simili, tipo fa azioni assurde e non lo beccano mai, fino all’apoteosi finale quando sconfigge da solo con quattro coltelli un intero plotone di soldati armati di mitra (molto peggio che gli spartani, almeno lì entrambe le fazioni hanno solo armi bianche).
    A modo suo anche V ha gli stessi “difetti”. Così come in 300 i persiani vengono dipinti in maniera esageratamente orrenda e macchiettistica, tanto in V viene fatto col regime. Solo che uno ti è piaciuto e l’altro no… scusa, ma non colgo la differenza. A me, infatti, sono piaciuti tutti e due (ovvio, 300 molto di più…).
    Mi ripeto: non parlo di regia, fotografia o aspetti tecnici.
    In entrambi i casi queste esagerazioni sono funzionali al racconto e all’esaltazione eroica dei personaggi. Mi chiedo solo, come al solito, come mai in 300 danno fastidio e in V no…

    • La questione fondamentale dal mio punto di vista, che non sono riuscito a spiegarti bene, è che non cerco il realismo estremo o la verosimiglianza più stringente, non è per questo che “300” non mi piace. A me se Leonida ammazza sessantasei persiani o quattro cambia poco, non è quello il problema del film. Non è una questione di attinenza alla realtà, se così fosse non dovrei amare i film di John Woo, tanto per fare un esempio. Semplicemente “V” mi piace di più, perchè il suo personaggio e la sua epopea vengono raccontati meglio, e a dirla tutta, con “300” ha in comune solo di essere tratto da un fumetto.
      Mi devo ripetere, l’incapacità e il modo pedestre di raccontare una storia possono rovinare quasi ogni racconto, anche il più interessante e “300” è una storia poco coinvolgente, per di più narrata male. E non è una questione politica, intendiamoci, perchè Snyder è troppo preso dall’estetica per curarsi del contenuto, quella era una prerogativa del fumetto di Miller.

  7. Ho semplicemente interpretato e sviscerato il tuo commento in cui parli degli spartani come perfetti e invincibili, da come l’hai scritto sembrava che spingessi molto su quello come elemento negativo (presente, come ho detto, anche in V).

    In questo caso allora è proprio una questione di gusti. Trovo che sia V che 300 siano storie molto coinvolgenti e molto ben narrate, anche se con stili diversi.
    E raramente un film mi ha catturato come 300.
    Beh, opinioni.

    Bye

  8. Pingback: Quel Rude Venerdì Metallico /63:Integralismo ed idiozia « Rude Awake Metal

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...