Marduk- Serpent Sermon


Non deve essere semplice scrivere dei dischi usando sempre lo stesso tempo, andando sempre più veloce fino a rendere quasi omogeneo il suono, estremizzando l’estremizzabile. Si finisce spesso per ripetersi, si resta prigionieri della voglia di sfondare tutto ad ogni costo, si perde di vista l’espressività e più in generale la fantasia. Per non citare il rischio di comicità latente che certe scelte comportano.

Lo capirono anni fa gli Immortal del dopo “Blizzard Beasts”, lo capirono anche i Marduk seppure non riuscirono a metterlo bene in pratica. Anzi fino ad oggi i Marduk migliori erano sempre quelli che andavano a cinque-seicento all’ora, diventando noiosi e trascurabili quando cercavano di creare atmosfera rallentando il ritmo.

“Wormwood” ad esempio, il disco prima di “Serpent Sermon”, è stato un ottimo album segnato però dal difetto di non mantenere sempre costante l’interesse, con contorcimenti sonori non proprio coinvolgenti. Poi l’EP “Iron Dawn” ribadì che gli Svedesi preferiscono l’alta velocità per bestemmiare e parlare di guerra, convincendo come non succedeva da tempo.

“Serpent Sermon” riparte dalla lezione velocista e “classica” dei Marduk, dove tutto è sottomesso allo scopo della viulenza più nera, ma con gran piacere e sorpresa, la penna dei Marduk riesce a scrivere brani interessanti anche senza sfondare il muro del suono, finalmente. Il disco è cattivissimo, non è solo infarcito dei soliti bestemmioni come solo alcuni tuoi compaesani sanno creare,  stavolta funziona l’alchimia tra i vari tempi,  aggiunge quella profondità che mancava agli ultimi lavori.  Insomma come hanno detto benissimo da un’altra parte, stavolta se cala il ritmo non cala la palpebra.

Il disco migliore da un sacco di tempo, da quando ancora si truccavano da panda, espediente abbandonato forse per paura dell’estinzione. Non perdetevelo, magari aggiornate il repertorio di bestemmie…

Tracklist:

01. Serpent Sermon
02. Messianic Pestilence
03. Souls For Belial
04. Into Second Death
05. Temple Of Decay
06. Damnation’s Gold
07. Hail Mary (Piss-Soaked Genuflexion)
08. M.A.M.M.O.N.
09. Gospel Of The Worm
10. World Of Blades

Voto:

L’assaggio del disco:”Souls for Belial”

Guarda che succede a sbagliare la grafica dell’artwork…

Annunci

7 commenti su “Marduk- Serpent Sermon

  1. la foto fa morire dal ridere.. ma secondo me non è questione di sbagliare grafica.. è questione che l’addetto del megastore è un fan della pausini… e non è neanche troppo furbo.. infatti a lato del cd il nome del gruppo e il titolo del disco sono sempre leggibili…

    • Il negozio è (anzi era perchè ha chiuso da qualche mese) il Feltrinelli Store di Termini, si può capire un errore del genere insomma. Ma il titolo è scritto un po’ troppo grosso rispetto al nome del gruppo, aiutando nell’errore chi è meno ferrato sull’argomento. 🙂

  2. Beh, ad onor del vero il logo Marduk non è che sia proprio di comprensibile lettura da parte dei non addetti. Io pure per molte band black che non conosco, ricorro ove possibile alla “costola”…

    • Non dimenticare che la roba ce l’hanno segnata sulle bolle o comunque sanno cosa devono esporre…se proprio non hai il foglio:”GIRA ‘STO CD!!!” ;D

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...