3 Inches of Blood- Long Live Heavy Metal


Il gruppo canadese entrò nelle tue grazie con l’album “Advance and Vanquish”, soprattutto col pezzo “Deadly Sinners”, una vera bordata. Purtroppo da allora non si sono più ripetuti a quei livelli, prima con “Fire Up the Blades” dove ripetevano la formula di “A&V” in maniera meno convincente, poi con l’osceno “Here waits thy Doom”  puntando ancora di più sulla componente nostalgica dell’Heavy Metal  degli anni 80 ma assembrando un lavoro noioso e privo di canzoni interessanti. Ci riprovano tuffandosi in pieno nei cliche partendo già dal titolo classico che più classico non si può. La musica non è da meno tra citazioni interessanti e deja vu di maniera, ma stavolta i 3IoB lavorano meglio sul songwriting, riuscendo a piazzare dei buoni brani, pur non convincendo su tutto il disco. Non vi fate fregare dall’idiozia della prima canzone  “Metal Woman”, involontariamente accostabile ad un gruppo demenziale sia dal punto di vista dei testi che della musica, ci sono alcuni pezzi notevoli come “Leather Lord” appassionante cavalcata dal sapore antico, “”My sword will not Sleep” che ricorda la sopracitata “Deadly Sinners” senza però l’interessante gioco di voci che la contraddistingueva. Infatti il neo del gruppo è la voce di Cam Pipes, altissima e potente ma davvero poco varia. Il cantato è sempre teso e su toni alti a danno dell’espressività, i brani meno brillanti accusano questo difetto in maniera più evidente. Immaginatevi un King Diamond  che graffia col suo falsetto costantemente a livello massimo, però senza quella immensa capacità di interpretare i brani anche su registri più bassi propria del “Re”. Ci provano un po’ sul tremendo coro di “Men of Fortune” a cambiare tono, ma è meglio dimenticarlo in fretta ed accontentarsi.

Nonostante tutto, i 3IoB tornano su livelli più che discreti, Metal potente dai suoni moderni con dei brani ficcanti e ben scritti. Se vi basta date un ascolto al disco, comunque il divertimento e la passione si sentono ed è già un bel pregio.

Tracklist:

01 – Metal Woman
02 – My Sword Will Not Sleep
03 – Leather Lord
04 – Chief And The Blade
05 – Dark Messenger
06 – Look Out
07 – 4000 Torches
08 – Leave It On The Ice
09 – Die For Gold (Upon The Boiling Sea IV)
10 – Storming Juno
11 – Men Of Fortune
12 – One For The Ditch

Voto:

L’assaggio del disco “Leather Lord”

"3 Inches of Beard". Quello a destra somiglia a Byron Stroud, il bassista degli immortali Strapping Young Lad, oggi in forza ai Fear Factory. Infatti è proprio lui...

 

Annunci

2 commenti su “3 Inches of Blood- Long Live Heavy Metal

  1. Madò, Deadly Sinners meritava, ogni tanto la piazzo ancora sul lettore mp3.
    Meritano un ascolto per quella

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...