Quel Rude Venerdì Metallico /40:Quando essere in coda non significa fare la fila.


Un’iniziativa meravigliosa della compagnia aerea low cost norvegese Norwegian Air Shuttle ha indetto un sondaggio per scegliere quale personaggio di spicco norvegese debba apparire sulla coda dei propri aerei. “Embè che ce frega?” diranno i lettori più pazienti, ce frega eccome invece,  perchè tra le scelte disponibili c’è anche Øystein Aarseth ovvero Euronymous.

L’iniziativa, segnalata sulla pagina Facebook di R.A.M. dagli amici del mitico Metal Skunk, ha visto l’entusiastica partecipazione di chiunque ne sia stato informato e al momento pare che Aarseth sia al sesto posto su duecento e rotti candidati. Perciò andate a votare a questo indirizzo e poi tornate a leggere (basta cliccare sul cuoricino vicino al nome ed il gioco è fatto).

Fatto? Benissimo.

Non ci avete pensato neanche un attimo al fatto che una compagnia aerea possa aver pensato di piazzare un musicista Black Metal dalla storia così particolare come Euronymous? Com’è possibile?

E’ semplice, il Black Metal è una risorsa enorme per la Norvegia. E’ una fonte di introiti notevole e ormai parte della cultura nazionale. Ricordate i diplomatici norvegesi che devono erudirsi sul Black Metal proprio perchè considerato fondamentale per promuovere l’immagine della nazione nel mondo? Ecco perchè Euronymous, nonostante tutte le storie macabre e le sparate che conosciamo tutti, viene considerato spendibile e al pari di tanti illustri norvegesi.

Immaginate le scene delle persone che prendono un aereo con la faccia di  Øystein: “Mamma ma quello sull’aereo chi è un clown di quelli che fanno paura?” “Ma no, è il chitarrista di un gruppo Black Metal che è morto a mamma, poverino lo hanno accoltellato a morte…Pensa che quando un suo amico si è sucidato sparandosi in testa con un fucile, lo ha fotografato e si dice abbia raccolto pezzi di cranio per ricordarlo.” “Mamma mi sento male…”

Un aspetto altrettanto divertente da considerare con un eventuale vittoria di  Øystein, sarebbe quello di dare uno schiaffo morale al suo assassino, quell’idiota di Varg.

Votate e fate votare  Øystein  Aarseth!

Fate un buon week end…

 

Annunci

4 commenti su “Quel Rude Venerdì Metallico /40:Quando essere in coda non significa fare la fila.

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...