Soilwork- The Panic Broadcast


Soilwork-The-Panic-Broadcast-500x500I Soilwork hanno intrapreso nella loro carriera una strada comune a molte altre band: evolvere il proprio sound cercando più pubblico,  inanellando però una serie non proprio felice di dischi che palesavano l’inesorabile fase discendente  della parabola del gruppo. Ascoltando le tracce in anteprima del disco in oggetto, mi sono convinto che forse il ritorno di Peter Wichers potesse servire a dare una botta di vita a’sti Svedesi e così è stato. Il chitarrista-produttore ha rinfrescato e riordinato un pò le idee che confusamente si accavallavano nei dischi precedenti senza giungere ad un pieno compimento. Ebbene sì, “The Panic Broadcast” è un bel disco, niente che sia paragonabile a “A predator’s Portrait” o “Natural Born Chaos”,  ma sicuramente una botta di vita che ci voleva.

Il gruppo si dimena  indiavolato tra passaggi velocissimi in blast beat, trame melodiche dalle partiture che richiamano il classico sound “Swedish” e concessioni a sonorità di stampo moderno. La varietà dell’album coinvolge l’ascoltatore che non si trova a dover subire un macigno monocorde interrotto solo dai “break” melodici, quanto un gigante compendio del verbo Soilwork aggiornato ai giorni nostri.  Speed è aggressivo e si impegna con il suo growl riconoscibilissimo e molto personale a dare quel quid in più ai brani: fa centro anche con i leccati ritornelli cantati con la voce pulita, inserti che ricordano i lavori più blasonati della band,  ovviamente  Speed sul “pulito” è più a suo agio oggi che in passato.  Ben accolto anche il ritorno di numerosi assoli di chitarra, latitanti negli ultimi lavori e spazio all’abilità dietro il drumkit di Dick Verbeuren, autore di un’ottima prova. Ad essere onesti c”è qualche brano che si fa dimenticare presto poichè troppo di maniera, ma nel complesso l’album è ottimo.

Aspettando un nuovo capolavoro innovativo come “A Predator’s Portrait” mi godo questo “The Panic Broadcast”…che ha anche una bellissima copertina.

Tracklist:

01. Late For The Kill, Early For The Slaughter
02. 2 Lives Worth Of Reckoning
03. The Thrill
04. Deliverance Is Mine
05. Night Comes Clean
06. King Of The Threshold
07. Let This River Flow
08. Epitome
09. The Akuma Afterglow
10. Enter Dog Of Pavlov

Voto:

I Soilwork erano con le spalle al muro…non avevano più scuse col rientro di Wichers

La qualità del video è quella che è, ma un ascolto  non si nega mai:



Annunci

3 commenti su “Soilwork- The Panic Broadcast

  1. Pingback: Soilwork-Deliverance is Mine Video « Rude Awake Metal

  2. Pingback: Soilwork- The Living Infinite | Rude Awake Metal

  3. Pingback: Soilwork- The Ride Majestic | Rude Awake Metal

Commenti intelligenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...